mercoledì, 7 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Del Turco e la pena senza riscontri – Pierluigi Battista Corriere della Sera
Pubblicato il 16-11-2015


Del Turco e la pena senza riscontri

 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
    • L’art. citato dice che “È punito con la reclusione da uno a cinque anni, qualora non si tratti di un più grave delitto, chiunque commette atti violenti diretti ad impedire, in tutto o in parte, anche temporaneamente: 1) al Presidente della Repubblica o al Governo l’esercizio delle attribuzioni o prerogative conferite dalla legge; 2) alle assemblee legislative o ad una di queste, o alla Corte costituzionale o alle assemblee regionali l’esercizio delle loro funzioni”.

  1. La definizione costruita con Tangentopoli che “i socialisti sono tutti ladri” non si è voluta cancellare neppure quando Del Turco da ex socialista aveva aderito al PD divenendo in tal modo Presidente della Regione Abruzzo. Come ex socialista conservava quindi l’infamia di essere un corrotto a prescindere. All’epoca dei fatti, Segretario del PD era Veltroni che, dalle notizie emerse dai dibattiti televisivi, sembra che abbia lasciato in eredità come Sindaco di Roma un debito di 12 miliardi di Euro.
    Un giornalista fuori dal coro come Pierluigi Battista ha preso la parola e la penna in difesa di Del Turco.
    Potrebbe il nostro senatore socialista Buemi chiedere la parola in Parlamento per denunciare quanto evidenziato da Pierluigi Battista?? Ringrazio la Redazione dell’Avanti se potrà trasmettere questo invito al nostro parlamentare Buemi e al nostro Segretario Nencini.
    Je suis socialiste

Lascia un commento