martedì, 6 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Francia. Valls: un asse con i Repubblicani contro Le Pen
Pubblicato il 12-11-2015


manuel-valls-2In Francia, Manuel Valls (nella foto) lancia uno spiazzante spunto d’intesa per un patto elettorale che possa arginare l’ascesa di Marine Le Pen e del suo Front National. L’idea del Primo Ministro francese è quella di una larga e duratura alleanza dei socialisti con Les Républicains, il partito di centro-destra fondato da Sarkozy come successore dell’UMP. Secondo Valls, un patto elettorale in vista delle elezioni regionali di dicembre potrebbe mettere i bastoni tra le ruote all’estrema destra, specie nelle regioni dove la fiamma tricolore è più forte (in primis Provenza-Alpi-Costa Azzurra e Nord-Passo di Calais-Piccardia).

Le motivazioni sono diverse. Innanzitutto, stando ai recenti sondaggi, unirsi con i repubblicani potrebbe creare un polo costituzionale da opporre all’anti-politica portata avanti dalla Le Pen. Inoltre, garantirebbe sia al PS che a LR di ottenere un certo numero di seggi, specie in caso di secondo turno. Tuttavia la proposta è stata accolta con una certa perplessità sia da parte degli ex-UMP che dal canto degli stessi socialisti, in particolare dal segretario del PS Jean-Christophe Cambadélis.

Non mancano certo le analogie con la situazione italiana, basti pensare alla Lorenzin e al suo desiderio di un’unione tra PD e i centristi al fine di battere il Movimento 5 Stelle nella corsa al Campidoglio.
Ma la soluzione, in un caso come nell’altro, non è certo quella di creare un’accozzaglia utile soltanto alla Le Pen o al Grillo del momento. E Cambadélis, intervistato a riguardo da Radio France Internationale, lo ha capito. E invita pertanto i socialisti francesi a non indossare i boxer sopra i pantaloni, concentrandosi sul primo turno e a fare le cose con ordine, battendo il FN con la forza degli argomenti e senza cadere nelle sue trappole.

E poi, tra l’altro, la politica non è una scienza esatta. Se un’alleanza PS-LR non dovesse dare i risultati sperati potrebbe essere la fine per entrambi, fornendo alla Le Pen un graditissimo assist.

Giuseppe Guarino

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento