sabato, 10 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Giovani in fuga dalla Sicilia
tra scuola e mafia
Pubblicato il 18-11-2015


palazzo-regione-dorleansLa Sicilia non è un Paese per giovani. In fuga da un’isola che toglie molto e offre poco, che primeggia per dispersione scolastica, i minori appaiono derubati di una vita dignitosa e delle opportunità per sviluppare i propri talenti, anche a causa della crescente illegalità di cui sono vittime. Emerge da sesto Atlante dell’Infanzia (a rischio) “Bambini senza. Origini e coordinate delle povertà minorili”, di Save the Children. La Sicilia è tra le regioni italiane quella con il più alto tasso di dispersione scolastica (24%) e con la percentuale più bassa, molto al di sotto della media nazionale, di tempo pieno nella scuola primaria (8,1% contro 31,6%) e spesa per i servizi sociali destinati a famiglie e minori (70 euro procapite sui 113 in Italia). La deprivazione di possibilità, stimoli e opportunità si riflette anche nelle scarse performance scolastiche: in Sicilia più di un alunno di quindici anni su 3 non raggiunge il livello minimo di competenze in matematica (37,3% su 24,7%, dato nazionale) e quasi 1 su 3 in lettura (29,6% su 19,5% in Italia) (mappa sul deficit di competenze), circa 7 bambini e adolescenti su 10 tra i 6 e i 17 anni non hanno letto un libro nel 2014. Sono poi oltre 500.000 i giovani (15-29 anni) che, dal 2002 al 2013, hanno deciso di trasferirsi al Nord per trovare lavoro e condizioni di vita migliori. Un quinto di questi, cioè 123.968, sono siciliani. Per la gran parte laureati.

La regione, invece, il più alto numero di minori vittime di mafia e tra le percentuali maggiori di giovani che risiedono in comuni sciolti per mafia. In Sicilia un bambino su 12, che frequenta la scuola primaria, ha il tempo pieno a scuola (8,1% su una media nazionale del 31,6%) e nel 49% degli istituti scolastici principali non c’è il servizio mensa. Quasi 1 su 4 (24%) dei giovani tra i 18 e i 24 anni non ha concluso un ciclo di studi superiore nè un corso di formazione professionale.

Migliaia di minori pagano un prezzo altissimo all’illegalità e corruzione che pervade i territori in cui vivono: almeno 85 i bambini e adolescenti incolpevoli uccisi dalle mafie dal 1896 ad oggi – come racconta la prima mappa realizzata in base ai dati forniti dall’associazione Libera – di cui 31 in Sicilia (18 solo a Palermo), e molti di più coloro che hanno assistito all’uccisione di familiari, ritrovatisi orfani o adescati e arruolati giovanissimi nelle file della criminalità organizzata. Sono 546.000 gli under 18 – il 5,4% della popolazione 0-17 anni, con picchi del 17,4 % a Caltanissetta e 16,3 % a Palermo – nati e cresciuti in uno dei 153 comuni sciolti per mafia negli ultimi 17 anni (mappa dei Minori senza Consigli e Nascere nella Locride), soprattutto al Sud ma anche al Centro e Nord Italia. La Sicilia, dopo la Puglia, inoltre è la regione col numero maggiore di minacce e intimidazioni agli amministratori locali (70 su 351 in Italia) e ha tra gli indici più alti di presenza mafiosa (58,2 a Palermo, 53,18 a Caltanissetta). Spiega Valerio Neri, direttore generale Save the children Italia: “Le mafie e i fenomeni corruttivi esercitano una violenza diretta e indiretta sui minori. Possono causarne la morte ma anche bloccare il loro sano sviluppo coinvolgendoli precocemente in attività criminose e allontanandoli da scuola. Distorcono le economie e il mercato del lavoro, rendendoli accessibili solo a chi accetta le logiche dell’illegalità”.

Save the Children ha aperto in 8 regioni 13 Punti Luce e altri 3 saranno inaugurati il 20 novembre. Sono più di 4.500 i minorenni che li frequentano o vi sono entrati in contatto in un solo anno, dall’avvio delle attività, di cui 560 a Palermo e a Catania. Se si considera l’investimento nei servizi erogati dai Comuni, emergono allarmanti differenze: si va dai 242 euro pro-capite di spesa per l’area famiglia e minori in Trentino ai 20 euro pro-capite della Calabria, 70 in Sicilia, a fronte di una media nazionale di 113 euro . A livello provinciale, colpiscono le disparità tra i 393 euro pro-capite di Trieste e i 350 di Bologna e gli 8 euro a testa di Vibo Valentia, i 18 di Crotone, i 20 di Cosenza e Avellino, 47 di Messina, 51 di Siracusa e Caltanissetta, 61 di Enna, 68 di Agrigento, 69 di Trapani e Catania, 74 di Ragusa, 90 di Palermo.

Redazione Avanti!

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento