domenica, 11 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La Grecia scende in piazza contro Tsipras
Pubblicato il 12-11-2015


greciaQuasi 25.000 persone hanno partecipato a tre manifestazioni nel centro di Atene contro il Governo di Tsipras e il terzo piano di bailout che Atene è stata costretta ad accettare per evitare il destino Grexit. I sindacati hanno proclamato 24 ore di mobilitazione contro le misure di austerità: è la prima volta da quando, in settembre, si è insediato il secondo governo Tsipras.

Una sfida per Syriza, passato da partito di lotta a partito di governo, tanto che alcuni componenti dell’esecutivo appoggiano lo sciopero, ma il presidente Alexis Tsipras è sotto pressione per il pericolo dei pignoramenti ai danni di quei greci che non riescono a pagare i mutui. Per i Greci torna l’incubo della Troika, nonostante Tsipras abbia cercato trovare una soluzione cercando di far passare l’impignorabilità per le case al di sotto di un valore di mercato pari a 300mila euro, soluzione sfumata per via della stretta posta dai creditori. Ora Atene si trova a dover fronteggiare uno sciopero che vede in prima linea non solo giovani, pensionati e dipendenti pubblici, ma anche avvocati e giornalisti. Dalla firma del primo piano di salvataggio, cinque anni fa, un quarto dei greci è rimasto senza lavoro.grecia 2

Il problema è poi anche di ordine pubblico: da questa mattina la Grecia fa i conti con gli scontri tra manifestanti e polizia, con corollario di lancio di molotov contro le forze dell’ordine, il Parlamento e le banche greche, prima fra tutte la National Bank of Greece. Presa di mira anche Piazza Syntagma, antistante il Parlamento, piazza Syntagma, dove in migliaia si sono riuniti nella piazza, e alcuni anarchici hanno lanciato altre bombe, ma la polizia ha risposto ai manifestanti con granate stordenti e gas lacrimogeni.

Bloccati i collegamenti aerei, ferroviari e marittimi, gli ospedali garantiscono solo le emergenze e tutti gli uffici pubblici resteranno chiusi nelle 24 ore di sciopero.

Maria Teresa Olivieri

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento