sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Mario Michele Pascale:
L’Italia sul carbone
sia coerente anche a casa sua
Pubblicato il 30-11-2015


A Parigi, alla conferenza sul clima, sul banco degli accusati ci sarà il carbone. L’India, terzo grande inquinatore del mondo, non vuole saperne di una moratoria sulla costruzione di nuove centrali a carbone, rivendicando il diritto allo sviluppo di circa duecento milioni di suoi cittadini, che ancora vivono senza elettricità. Sarà una lotta dura, senza quartiere, sia all’interno dei negoziati che fuori dal palazzo, dove già si registrano i primi scontri.

In fondo, ci sono i pusillanimi, come noi italiani che, pur condannando i grandi inquinatori e svolgendo all’estero, specialmente in Sud America, “operazioni simpatia” sulle energie rinnovabili, rimaniamo ancorati come delle cozze ai fossili. Ricordo a tutti che mentre la grande maggioranza del mondo occidentale virava verso le rinnovabili e le energie alternative noi (ministro dello sviluppo economico era Pierluigi Bersani) abbracciavamo con enfasi il carbone.

Il mio augurio è che se il governo italiano spingerà a livello internazionale per le rinnovabili, come è stato anticipato, sia coerente con se stesso e metta mano ad un piano di chiusura e di riconversione delle centrali a carbone presenti sul territorio nazionale. Aspettiamo Matteo Renzi alla prova dei fatti.

Mario Michele Pascale
membro del consiglio Nazionale del PSI e presidente dell’associazione Spartaco

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento