lunedì, 5 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Mi scrive Fabio Fabbri, già ministro della Difesa: “Le mie riserve sulle scelte dell’Italia
Pubblicato il 29-11-2015


Il fondo di oggi è del mio amico Fabio Fabbri, già ministro della Difesa del governo Ciampi, prima ancora presidente dei Senatori socialisti, più volte ministro e sottosegretario alla Presidenza del governo Amato.

Caro Direttore,

Ti prego di pubblicare sul nostro giornale questa nota integrativa del mio articolo sugli avvenimenti drammatici conseguenti all’orribile eccidio del 13 novembre a Parigi.
Concordo interamente con l’ultimo tuo editoriale, che critica il comportamento del Presidente del Consiglio, lamentando che il nostro governo, al cospetto dell’incipiente terza guerra mondiale, ha assegnato all’Italia un ruolo a dir poco marginale.

Per chi non avesse letto “La Stampa” di venerdì 27 novembre, trascrivo il motivato giudizio critico nei confronti di Matteo Renzi del nostro ex ambasciatore alla NATO Stefano Stefanini, già consigliere diplomatico del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano:
“… Il Presidente del Consiglio… fa bene a ricordare che la sfida di ISIS è una prova di tenuta culturale e non solo militare e di sicurezza. Ma ieri mattina l’Eliseo avrebbe preferito qualche fatto in più e qualche parola in meno. La Germania sorpassa così l’Italia in materia di stabilità e sicurezza internazionale. Non era mai successo. La prudenza è probabilmente quello che gli italiani vogliono da Renzi. A Roma e Firenze prenderebbe la sufficienza abbondante, ma fa piccolo cabotaggio internazionale. Voto: 5”.

Se si pensa che è la prosa di chi è professionalmente abituato al sorvegliato linguaggio della diplomazia, la censura identifica correttamente, ed anche impietosamente, la marginalità come scelta dell’Italia nell’ambito delle alleanze che si vanno profilando per combattere il terrorismo.
Ai tempi della “guerra fredda”, quando i Presidenti del Consiglio si chiamavano De Gasperi, Fanfani, Moro, Spadolini e Craxi, il disimpegno, così come l’adesione “ridotta” alla NATO, non sono mai stati ipotizzati.

Non sono animato da ostilità preconcetta nei confronti del giovane Presidente del Consiglio, alla cui azione ho guardato, semmai, con benevola propensione.
Ai molti che, nei mesi alle nostre spalle, mi hanno chiesto un’opinione su Matteo Renzi, ho risposto facendo mie le misurate parole dell’Ambasciatore Sergio Romano, che ha evocato i cartelli dei saloni del Far West: ”Non sparate sul pianista. Non ne abbiamo altri.”.

Ma ora il pianista suona la musica stonata del sostanziale quasi-disimpegno dell’Itala: che non è annullato dalla nostra chiamata alla mobilitazione culturale contro il terrorismo.
Mi sono consolato quando ho sentito, a conclusione della solenne cerimonia di omaggio alle vittime trucidate il 13 novembre, che si è svolta a Parigi agli Invalides, la musica, quanto mai appropriata e solenne, di Giuseppe Verdi: quasi un’ideale presenza vicaria del nostro Paese.

Come Ministro della Difesa del Governo presieduto da Carlo Azeglio Ciampi ho conosciuto, al tempo della spedizione del nostro contingente militare in Somalia, le difficoltà, i rischi e le drammatiche ripercussioni, emotive e politiche, che si determinano nell’opinione pubblica quando i nostri soldati muoiono in combattimento.

Ma questi sono i rischi e i rovelli, anche di ordine morale, di chi è chiamato, nell’interesse del Paese, ad assumere le difficili decisioni determinate dalla realtà che abbiamo di fronte, dal contesto internazionale e dalla volontà di guidare la nazione in armonia con i suoi interessi generali: ed anche in coerenza con la propria storia, in Europa e nel mondo.

E ancora; come può l’Italia, allegando i suoi attuali impegni militari al servizio della Comunità internazionale, escludere ogni nostro impegno, anche di carattere militare, volto a mettere sotto controllo e bonificare l’attuale esplosiva situazione che da molti mesi caratterizza la Libia, le cui coste mediterranee sono a poche miglia da casa nostra? Osservo al riguardo che il ricorrente richiamo alla fallimentare spedizione anglo-francese che ha liquidato il regime del Colonnello Gheddafi è del tutto irrilevante nel mutato scenario libico e mondiale.

Come non vedere che spetta quanto meno all’Italia, come ha suggerito Eugenio Scalfari nel suo ultimo editoriale su La Repubblica, il compito di organizzare e difendere i campi di accoglienza ed identificazione dei migranti provenienti dai territori sub-sahariani?
E perchè mai, di fronte ad un tornante cruciale della nostra storia, non si è ancora svolto un dibattito parlamentare adeguato alla gravità dell’ora?

Questo confronto, di cui non v’è finora traccia nelle assemblee elettive regionali e locali, potrebbe ancora determinare una correzione della rotta del nostro Governo, nella consapevolezza che le nostre Forze Armate sono in grado di far fronte con onore ed alta professionalità ai loro compiti.
Lasciami sperare, caro direttore, che il Presidente Renzi, re melius perpensa, vorrà provvedere ad un saggio, graduale ravvedimento operoso.

Sono comunque grato a Te e ai compagni parlamentari del PSI per quanto avete fatto e farete per correggere l’opzione del “basso profilo”, che contrasta anche con il nostro rango di Stato fondatore della Comunità Europea e di membro costitutivo, nella lontana primavera del 1949, dell’Alleanza Atlantica.

Fabio Fabbri

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Caro Direttore , sarà stato anche ministro della difesa ma il pensiero del compagno Fabbri non lo condivido, perchè la posizione assunta dal nostro governo , da quello che se ne evince dai vari comunicati stampa, non è affatto di disimpegno nella gara a chi ne mette più risorse e mezzi per effettuare operazioni per l’attacco dal cielo, ma per non essere di nuovo fregati nei nostri interessi economici “vedi l’attacco voluto dai francesi alla Libia” da quelli che a giorni alterni salvano i preofughi da qualunque parte vengano, per poi cambiare idea sul trattato di Dublino, e rimettere tutto in discussione. Manca una politica di difesa europea una strategia degli affari esteri europea manca un coordinamento europeo dell’intelligence, manca mezza europa, e la colpa non è di Renzi!! Ergo ogniuno canta sul proprio spartito e non è un cora ma solo cacofonia.

  2. Non sono assolutamente un sostenitore di coinvolgimenti bellici sconclusionati come quelli recentemente assistiti in Libia, ma di certo neanche una persona che rivolge lo sguardo acriticamente altrove rispetto alla realtà dei fatti. Certamente la soluzione diplomatica di quanto avviene nell’area mediorientale doveva essere oggetto di attenzioni più approfondite da parte di coloro che avevano il dovere di intervenire in merito, così come altrettanto certamente, serve interrompere il flusso di rifornimento, sia economico che materiale, agli assassini dell’IS per fermare la loro folle azione violenta e vigliaccamente volta a modificare le abitudini e la cultura occidentale e non solo. Come? Non certo con le chiacchiere, con le strategie da torneo di scacchi, tanto più considerato che gli uomini dell’IS non hanno avuto scrupolo alcuno a distruggere le testimonianze della civiltà dell’uomo, patrimonio dell’umanità. E contro questi metodi e contro chi li sostiene, l’umanità intera, dunque anche l’Italia, soprattutto l’Italia baluardo europeo affacciata nel Mediterraneo, deve dare risposte concrete, non più rinviabili. Chi minaccia il mondo civile, la stessa essenza dello sviluppo e del progresso umano, non può che trovare la ferma e decisa opposizione da parte di chi è chiamato a tutelare il futuro dei territori, dei continenti. Insieme l’Italia e l’Europa hanno anche il dovere delle buone pratiche, ossia la certezza della garanzia del rispetto delle carte internazionali sui diritti, che discendono proprio da quella cultura e da quella civiltà che , in ogni modo, ciascuno per la propria aperte e per le proprie competenze, è tenuto a tutelare e difendere.

  3. Fabbri ci riporta ad un concetto un po’ desueto per lì’Italia renziana: la Politica. Ma se questo capo del governo non è mai andato in nessun posto dove sono accaduti fatti dolorosi, credete che potrebbe resistergli il cuore di fronte ad attentati “domestici”, od al ritorno in patria di salme di caduti? Dai, dovebbe mandarci il ministro Pinotti.

  4. PLATONE: “Quando un popolo – divorato dalla sete di libertà – si trova ad avere a capo dei coppieri che, di libertà, gliene versano quanta ne vuole fino ad ubriacarlo, accade allora che ….. in mezzo a tanta licenza nasce e si sviluppa una mala pianta; la TIRANNIA”.
    Per troppo tempo abbiamo dato ai nostri giovani diplomi e lauree senza “vera” meritocrazia, oggi ne raccogliamo i frutti, con una classe dirigente di mediocri; noi “vecchi” , allora, purtroppo “cantiamo” alla luna.

Lascia un commento