venerdì, 2 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Portogallo. Nato il governo
monocolore socialista
Pubblicato il 26-11-2015


Il Portogallo ha il suo primo governo esclusivamente di sinistra. Dopo 51 giorni dalle elezioni, infatti, il Presidente della Repubblica Aníbal Cavaco Silva ha nominato il nuovo Primo Ministro e ieri ha accettato la sua squadra di governo. Il nuovo premier portoghese è dunque ufficialmente António Costa, leader del Partido Socialista.

Antonio Costa

Antonio Costa

La notizia è del tutto eccezionale, in quanto la situazione di stallo succeduta alle elezioni pareva destinata a protrarsi ancora a lungo. Le consultazioni si erano infatti concluse con la vittoria del Partido Social Democrata (che al di là del nome, appartiene all’area di centro-destra e aderisce al PPE) dell’ormai ex premier Pedro Passos Coelho, che aveva ottenuto la maggioranza relativa dei voti e dei seggi (rispettivamente 38.53% e 107).

Tuttavia, Passos Coelho non è riuscito a trovare il modo di formare una coalizione, in quanto gli altri partiti entrati in parlamento appartengono esclusivamente alla sinistra (oltre al Partido Socialista, anche i comunisti del Bloco de Esquerda e i verdi della Coligação Democrática Unitária) che, insieme, possono vantare 123 seggi su 230.

Forti le incertezze e le controversie. Costa ha dovuto firmare al Presidente della Repubblica una lettera di garanzia nella quale si impegna a rispettare gli impegni internazionali di Lisbona nelle sedi internazionali della NATO e dell’Unione Europea. Su tale punto si è imperniato lo scontro post-elettorale tra i socialisti e i comunisti lusitani, data la contrarietà di questi ultimi riguardo l’appartenenza al Patto Atlantico.

Ciononostante, Socialisti, Comunisti e Verdi saranno per la prima volta insieme tra i banchi della maggioranza. L’esecutivo, però, sarà un monocolore socialista, con il Bloco e la Coligação a dare il proprio appoggio esterno. Per Costa e i socialisti non sarà facile rimanere in carica per i prossimi quattro anni, soprattutto per la maggioranza risicata e i contrasti a sinistra con il Bloco de Esquerda, che promuove istanze simili a quelle di Syriza.

Giuseppe Guarino

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. E’ una conferma che la Sinistra può vincere solo se riesce a sforzarsi di rimanere unita nel fronteggiare il blocco di centrodestra. L’Italia è un esempio di divisioni fra le formazioni diverse della Sinistra ma che si prolungano anche con lacerazioni all’interno delle singole compagini della Sinistra stessa. Penso che se a livello europeo, sotto il coordinamento del PSE, un gruppo di economisti, sociologi, e filosofi si riunissero in un Gruppo di Lavoro per elaborare un Progetto indirizzato verso un nuovo Modello di sviluppo, potrermmo sperare che su obiettivi comuni a varie aspettative delle forze di Sinistra, si potrebbe tentare di avviare una svolta europea più in linea con le istanze di superamento delle grandi disuguaglianze sociali oggi esistenti. Jesuis socialiste

Lascia un commento