domenica, 4 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Puglia. Emiliano vara
il reddito di dignità
Pubblicato il 11-11-2015


Convegno del PD per le primarie, dal titolo Con il sud ricostruiamo l'italiaSi chiama reddito di dignità, con acronimo Red, e riguarderà la Regione Puglia.
“È ovviamente una speranza, un segno di lotta contro la povertà, va nel segno di ciò che papa Francesco ha chiesto alla politica, di occuparsi della dignità delle persone. È peraltro un modo di essere di sinistra in modo moderno considerando la difficoltà delle famiglie, ma senza evidentemente mantenere in piedi situazioni di privilegio”. Ad affermarlo subito dopo aver firmato la delibera è il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano.

Con orgoglio Emiliano ha punzecchiato anche il leader pentastellato: “Beppe Grillo, lo confesso, mi ha chiesto di dimostrare ai suoi la differenza tra il dire e il fare. Spero di esserci riuscito”.

L’impegno è di 70 milioni di euro all’anno per cinque anni, ovvero 350 milioni. “Ne beneficieranno circa 60mila pugliesi”, ha spiegato ancora il presidente della Regione, “con un limite massimo di 600 euro per famiglia per un anno”. “Il termine è di 12 mesi”, ha concluso Emiliano, “ma si può riprendere il programma se ci sono le condizioni dopo una interruzione”. I sussidi riguardano i pugliesi sotto la soglia di povertà, con un reddito che non supera i 3mila euro e la selezione avverrà tramite l’aiuto delle amministrazioni comunali e dei centri per l’impiego.

Lo schema è il seguente: un nucleo familiare di cinque persone, incasserebbe 600 euro al mese (7mila 200 ogni anno); quattro persone, 520 euro (6mila 240); tre, 430 euro (5mila 160); una coppia, 330 euro (3mila 960); chi è solo, 210 euro (2mila 520 all’anno).

Redazione Avanti!

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento