mercoledì, 7 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Radicali, Riccardo Magi eletto segretario
Pubblicato il 02-11-2015


magi2Riccardo Magi è stato eletto Segretario di Radicali Italiani dal Congresso nazionale riunitosi a Chianciano Terme. Il consigliere uscente del Comune di Roma è stato eletto con 102 voti favorevoli. Sedici sono stati i voti presi dall’altro candidato alla segreteria, Nicolino Tosoni, mentre 17 sono state le schede bianche e 5 le nulle. Valerio Federico è stato confermato tesoriere mentre alla presidenza c’è un nome nuovo, quello di Marco Cappato.

Il nuovo Segretario ha tracciato la sua proposta programmatica nella mozione generale approvata dal Congresso, che avanza idee concrete per una riconquista del diritto a essere riconosciuti come soggetto politico, si legge in una nota dei Radicali. “Si rivela urgente – ha affermato Magi – lavorare a un documento che renda concreta la presenza politica Radicale alle prossime elezioni amministrative”. Riccardo Magi, 39 anni, ex consigliere di Roma eletto nella lista civica Marino, durante la sua attività in Campidoglio ha portato avanti battaglie legate alla trasparenza, all’accoglienza e alla legalità.

Marco Cappato diventa Presidente con 61 voti. Alla presidenza si erano anche candidati Silvio Viale (17 voti), Antonella Soldo (15 voti), Giulia Simi (33 voti, 4 schede nulle, 10 bianche ).

Lo storico leader dei Radicali Marco Pannella, parlando a Radio Radicale, ha spiegato di essersi astenuto sul voto alla mozione. Con Riccardo Magi, ha detto pannella, “c’è stima, c’è un buon rapporto ma” la mozione generale presentata dal neo-segretario “mi sembra un minestrone, non è ne’ carne né pesce”.

Redazione Avanti!

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento