mercoledì, 7 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Roma. A Colle di mezzo
un parco “fai da te”
Pubblicato il 17-11-2015


colle di mezzoIl Quartiere Colle di Mezzo, a ridosso dall’EUR, fu costruito negli anni’50, per i dipendenti di vari Ministeri – che è la più concreta forma di assistenza che lo Stato possa svolgere – fu voluta dall’allora Ministro Antonio Segni alla Pubblica Istruzione, con lo stanziamento dei fondi dell’INA- Casa. L’iniziativa fu incoraggiata e seguita da tutti i successori con particolare simpatia. Occupa un’area in leggero declivio verso Vigna Murata e il Fosso della Cecchignola con una densità territoriale di circa 4000 abitanti. All’inizio il quartiere accolse prevalentemente giovani coppie, le quali per venti anni si sono trovate a scontrarsi con i gravi problemi del decentramento urbano, senza illuminazione e strade sterrate.

La scuola media era ospitata in via Vincenzo Cerulli, in due padiglioni contenenti “amianto” che insistevano su un’area di proprietà indivisa, appartenente agli ex assegnatari Ina-Casa. Il Comitato di Quartiere, coadiuvato da un’ampia partecipazione dei residenti,dopo anni di lotte durate 15 anni, è riuscito negli anni 2006- 2007 – con le risorse del Comune e della Regione – a far demolire le strutture degradate e a bonificare il terreno su cui le medesime insistevano, per destinarlo a verde pubblico e quale luogo di aggregazione. Con tenacia è stato inizialmente reso agibile portando alcune sedie e piantando alberi. È l’unico prato che abbiamo – sosteneva, in qualità di presidente del CdQ – chi scrive, e in queste condizioni non lo si può usare per la mancanza di giochi e panchine, nonostante, le numerose richieste avanzate al IX Municipio, costantemente sempre disattese. “Ogni qualvolta si chiedeva al servizio giardini oppure al Municipio di intervenire – racconta Giovanni Pagliarulo – componente del CdQ, rispondevano che non era di loro competenza e scattava il balletto delle competenze”.

Lo stato di degrado senza regole, nonché la vista del parco disadorno che caratterizzava il paesaggio sulla qualità della vita, hanno spinto alcuni volenterosi della comunità, attraverso il generoso contributo dei cittadini, a procurarsi l’apposito materiale occorrente per montare a regola d’arte sei panchine con sedie e tavolini, al fine di rendere il parco ospitale e accogliente. Agli Autori che hanno portato a compimento i lavori, nelle persone di: Carlo Castorina, Saverio Maracci, Massimo Franceschi, Andrea Spreafico e Pietro Battaglia, ha fatto seguito un coro di ringraziamenti e di condivisione sul sito “Colle di Mezzo Roma”. L’obiettivo del progetto è fornire la possibilità di una reale aggregazione per diventare strumento per tutti coloro che vivono nel quartiere e costituiscono la coesione della società civile. L’inaugurazione è prevista nel corso del mese di dicembre a cui parteciperà festoso l’intero Quartiere.

Ernesto Calluori

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento