domenica, 4 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scuola, arriva maxi concorso da 63.700 cattedre
Pubblicato il 04-11-2015


Scuola-riformaMaxi concorso per la scuola da 63 mila e 700 cattedre. È quanto si appresta a fare il ministero dell’Istruzione che ha chiesto il ‘permesso’ a quello dell’Economia per bandire il concorso, entro novembre, riservato ai soli docenti abilitati, che servirà a selezionare gli insegnanti per il triennio 2016-2018. a questi nuovi docenti si aggiungeranno poi nello stesso triennio le stabilizzazioni di 30 mila precari della Gae (graduatorie a esaurimento) rimasti tagliati fuori nell’ultima infornata. E’ il seguito della ‘buona scuola’ definitivamente approvato nel luglio scorso.

Anticipazioni del bando sono state pubblicate dal Sole 24 Ore secondo cui la maggior parte dei posti interesserà gli istituti superiori (16.300) e che le materie più gettonate saranno matematica, lingue e italiano. “I posti messi a bando – scrive il quotidiano della Confindustria – saranno 63.700. Così suddivisi: 6.800 per la scuola dell’infanzia, 15.900 per la primaria, 13.800 per le medie e 16.300 per la secondaria di secondo grado. I restanti posti, più o meno 10.900, saranno destinati agli insegnanti di sostegno e a quelli che residuano dall’ultima fase, la C, della maxi tornata di stabilizzazioni prevista dalla legge 107 (con un costo di circa 2,2 miliardi di euro, a regime)”.

In agenda – scrive il Sole 24 Ore – c’è anche la stabilizzazione dei circa 30mila precari inseriti nelle graduatorie a esaurimento che non si è riusciti a immettere in ruolo quest’anno. Complessivamente, nel prossimo triennio, il Miur ha conteggiato oltre 93mila posti vacanti. Come per la precedente selezione “Profumo”, anche il nuovo maxi-concorso sarà riservato solo agli abilitati. Quindi potranno partecipare anche i docenti in possesso di Tfa e Pas (si potrà così far salire giovani forze fresche in cattedra, abbassando l’età media del corpo docente, oggi intorno ai 50 anni). Secondo i calcoli del ministero potrebbero essere interessati al nuovo concorso circa 250mila candidati.

Differentemente invece dalla precedente selezione, il Miur starebbe pensando, per questa nuova, a eliminare la prova preselettiva per le scuole medie e superiori, puntando su uno scritto e un orale (lezione simulata, introdotta per la prima volta nel 2012). Alla primaria sarà richiesto un livello minimo per l’inglese.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento