domenica, 4 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

TERRORE A PARIGI
Pubblicato il 13-11-2015


Terrore a ParigiUna serie di attentati terroristici ha sconvolto Parigi con almeno tre attacchi quasi simultanei a partire dalle 21,30 in un sala concerti, dove sono state presi in ostaggio anche decine di persone, in un bar, attorno allo stadio dove era in corso l’amichevole Francia –Germania e nei pressi del canale Bataclan. Il presidente della repubblica, François Hollande ha decretato lo stato di emergenza su tutto il territorio nazionale.

Gli attentati sono stati compiuti con armi automatiche e granate da più persone. Le vittime accertate sarebbero 42, ma alcune fonti parlano di 60. Il bilancio è provvisorio e purtroppo sembra destinato a crescere. C’è grande confusione e le informazioni si accavallano con segnalazioni che giungono da più parti e che devono essere confermate dalle autorità.

Terrore a Parigi cartinaNell’attacco alla sala concerti Bataclan, nel XI.mo arrondissement, vicino alla sede di Charlie Hebdo, sono stati prima esplosi colpi di kalanshikov e poi sarebbero state prese in ostaggio 60 persone. Un testimone ha raccontato che due o tre individui armati sono entrati a viso scoperto nel locale facendo fuoco sulla gente con armi automatiche. L’attacco è durato circa un quarto d’ora e i terroristi hanno ricaricato a più riprese le armi. Feriti sono stati segnalati dalla polizia anche a circa 150 metri di distanza sul boulevard Beaumarchais. 

Terrore a Parigi 5Colpi di fucile mitragliatore, almeno 100 colpi dicono i testimoni, anche contro un bar ristorante, le Carillon, in rue de Charonne nel X arrondissement sono stati esplosi da un auto provocando la morte di numerose persone dentro e fuori il locale.

Terrore a Parigi 6Fuori dallo stadio sono state invece lanciate tre granate esplosive che avrebbero provocato la morte di 40 persone. La partita è stata sospesa e lo stadio evacuato.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento