martedì, 6 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Via nome dal simbolo.
Grillo si prepara alle elezioni
Pubblicato il 17-11-2015


grillo_elezioniDopo aver fondato il movimento cinque stelle più volte il leader dei pentastellati, Beppe Grillo, aveva annunciato di voler togliere il suo nome dal simbolo, ma ora passa all’azione e per questo lancia una consultazione online tra gli iscritti per scegliere il nuovo simbolo M5S nel quale non ci sarà più il nome del leader.

“Il 16 gennaio 2005 – scrive Grillo sul blog – nasceva il blog e il 4 ottobre 2009 a Milano fu fondato il Movimento 5 Stelle il cui simbolo riprendeva l’http://www.beppegrillo.it/. È stato il primo movimento politico nato da un blog. Io ci ho messo la faccia, il nome e anche il cuore ma oggi che il MoVimento 5 Stelle è diventato adulto e si appresta a governare l’Italia credo che sia corretto non associarlo più a un nome, ma a tutte le persone che ne fanno parte. Per questo voglio cambiare il simbolo eliminando il mio nome”.

“La consultazione di oggi – informa il blog – è relativa al nuovo simbolo, che comunque dovrà essere riconducibile a quello attuale. La scelta è tra nessun indirizzo http al posto del mio nome o un nuovo http://www.movimento5stelle.it. Le votazione saranno aperte dalle 10.30 alle 19 di oggi. Vota ora!”.

Per alcuni la decisione è vista come un allontanamento del leader dal suo movimento, nelle prossime amministrative ci sarà un coinvolgimento meno diretto di Grillo, impegnato a preparare un tour teatrale che partirà a febbraio. Per i sostenitori a simpatizzanti dell’ex comico genovese è un atto di coraggio e di “grandezza” di Grillo.
“Oggi Beppe ha fatto ciò che in questo Paese non fa mai nessuno, cioè mantenere le promesse fatte”, dice Roberta Lombardi, prima capogruppo del Movimento alla Camera, riferendosi alla promessa di Grillo fatta a Imola, “la decisione di togliere dal simbolo qualsiasi riferimento alla sua figura è segno di sicurezza e fiducia in noi”, ha spiegato.

Maria Teresa Olivieri

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento