mercoledì, 7 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Xylella. La sperimentazione della speranza
Pubblicato il 10-11-2015


Uliveto-XylellaSono 923 gli alberi di ulivo che sono stati abbattuti in Puglia in applicazione del piano anti-xylella del commissario Silletti. In particolare, sono stati eradicati 653 alberi nel Brindisino e 270 nel Leccese. Le operazioni si sono concentrate per lo più a San Pietro Vernotico dove l’azienda agricola Tormaresca ha ieri iniziato a rimuovere le 900 piante previste: 8 sono quelle infette, le altre sono da eliminare perché si trovano nel raggio di 100 metri. Tale dramma ha toccato la Puglia anche sotto il profilo economico, infatti l’annata olivicola 2014-2015, ha registrato un calo della produzione di olive superiore al 20% ed un brusco ridimensionamento delle rese fino al 50%, mettendo in crisi i grandi produttori oleari salentini.

Ma c’è una buona notizia. Mentre il Tar ha dato il via libera alle ruspe su migliaia di ulivi, le sperimentazioni condotte dall’Università di Foggia dimostrano che anche gli alberi dati per morti si riprendono. Gli ulivi che erano dati per spacciati, completamente secchi e con il batterio Xylella nei propri tessuti, sono stati “resuscitati” dall’Università di Foggia. Le sperimentazioni condotte sul campo, su stimolo di Copagri Lecce, danno frutti insperati. Gli alberi hanno ripreso tutti a vegetare, dimostrando che sì, “la pianta è riuscita a superare la presenza del batterio e la convivenza tra Xylella e ulivi e tra Xylella e territorio è possibile”, hanno rimarcato i ricercatori Antonia Carlucci e Francesco Lops. Si attenderà aprile per validare scientificamente il tutto, ma i risultati preliminari presentati presso la Camera di Commercio di Lecce sono più che incoraggianti: sugli alberi trattati con sostanze a basso impatto ambientale non solo sono spuntate le foglie, ma anche il frutto.

Francesco Brancaccio

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento