sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Campania. Centrosinistra risana l’Ente Regione
Pubblicato il 22-12-2015


Vincenzo De Luca presenta la Giunta Regionale CampaniaLa Giunta regionale lo aveva annunciato: dopo l’Arsan (Agenzia regionale per la sanità), ok all’abolizione dell’Arlas, l’agenzia per il lavoro e l’istruzione, due enti ritenuti inutili dal Governatore De Luca che continua la sua politica di risanamento dell’Ente Regione.

Infatti con tali tagli è previsto un risparmio di circa 3 milioni di euro. La maggioranza, tuttavia, va avanti in tema di risparmi e razionalizzazioni: via dunque i fitti passivi , una vera zavorra come li definisce “lo sceriffo campano”, cancellati i tanti organismi nati intorno alla Regione e accordi o intese con l’Ente. Il milione risparmiato va al Fondo Eduardo e Luca De Filippo per i minori a rischio e per il loro recupero. Altra novità è quella del razionalizzare gli Iacp (Istituti autonomi di case popolari) che da cinque diventano tre. Come annunciato dalla Giunta, in precedenza, si liquidano le società partecipate dalla Regione e con le somme risparmiate saranno sfruttate sull’investimento importante per gli studenti: oltre dieci milioni, previsti, per il trasporto gratuito verso i luoghi di studio e 9 milioni per le borse di studio. La Regione decide poi di investire i fondi statali destinati ai Trasporti per il completamento delle infrastrutture sospese. L’aeroporto di Salerno viene finanziato e ampliato.

Un milione l’anno, nel prossimo triennio, va all’ammodernamento delle funicolari del monte Faito e di Montevergine. In tema di acqua sono stati invece accolti alcuni emendamenti dei 5Stelle: ecco dunque uno sportello internet per accogliere segnalazioni e proposte dei cittadini, rateizzati i debiti degli utenti morosi e nessun distacco a chi vive al di sotto della soglia di povertà. In materia di politiche sociali, inoltre, Viene istituita l’anagrafe digitale dei disabili.

Francesco Brancaccio

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento