lunedì, 5 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Alta Corte impedisce indipendenza della Catalogna
Pubblicato il 02-12-2015


catalognaLa Corte Costituzionale spagnola ha annullato la risoluzione del Parlamento della Catalogna che apriva formalmente il processo per portare all’indipendenza della regione, datata 9 novembre 2015.

La dichiarazione di indipendenza del 9 novembre che prevedeva un percorso che entro 18 mesi avrebbe portato la regione a staccarsi, era stata approvata dai deputati della coalizione Junts pel Sì insieme con i comunisti della Cup, che insieme hanno la maggioranza assoluta in seno al Parlament. Ma due giorni dopo l’approvazione, l’11 novembre il premier Mariano Rajoy, aveva subito presentato ricorso di fronte alla massima Corte, lo stesso giorno la Corte costituzionale aveva dichiarato ricevibile il ricorso del governo del premier Rajoy e di sospendere in forma cautelare la mozione con la quale il Parlamento di Barcellona ha dichiarato aperto il processo di indipendenza della Catalogna.

Gli undici giudici del Tribunal Constitucional con una sentenza tra le più rapide della sua storia hanno dato ragione a Madrid, il presidente della Consulta, Francisco Pe’rez de los Cobos, ha emesso la sentenza prima di venerdì, data d’inizio della campana elettorale per le politiche del 20 dicembre. Il Governo spagnolo da anni cerca di impedire lo svolgimento di un referendum vincolante sull’indipendenza in Catalogna, anche se il leader di Podemos, Pablo Iglesias, più volte si era pronunciato per questa soluzione e aveva definito “goffa, miope e codarda” la decisione del premier Rajoy di rivolgersi alla Corte Costituzionale

Liberato Ricciardi

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento