sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Chavisti, socialisti e Rai… isti.
Pubblicato il 07-12-2015


Il TG1 delle 13 e 30 (e forse anche il Tg2 delle 13) ha dato giustamente grande rilievo alla sconfitta dei chavisti nelle elezioni venezuelane. Tuttavia ha sempre insistentemente parlato di una sconfitta del partito “socialista” (come aveva fatto poco prima a proposito delle elezioni francesi). Tutti sanno che il partito chiavista può essere chiamato socialista come un tempo si chiamavano socialisti quelli della repubblica comunista dell’Europa dell’Est.

Tutti sanno, o dovrebbero sapere, che il Partito socialista, iscritto all’internazionale socialista, è in Venezuela Action Democratica (il partito del defunto presidente Carlos Andres Perez, vicepresidente dell’Internazionale, e dell’ex presidente Lusincki). Partito perseguitato da Chavez (che contro Carlo Andres fece addirittura un tentativo di colpo di Stato quando era un colonnello golpista).

Tutti lo sanno e lo dicono ma, per inettitudine o dolo, non la RAI. Dove la parola socialista era di moda negli anni ottanta, poi rinnegata verso la metà degli anni novanta e anche oggi deve risuonare sgradita ai tanti che tuttora riscuotono profumati stipendi grazie alle vecchie etichette oggi rinnegate. E anzi oggi le dispregiano con reconditi desideri di rimozione distorcendo perfino la realtà. Mentre per i più giovani raisti questa è solo la dimostrazione di come continuino a manifestare la più incredibile ignoranza della storia. E della verità.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Quando si dà troppo addosso a qualcosa (una persona, un’idea) se ne fa un eroe o un martire (Che Guevare ha funzionato meglio da morto che da vivo).
    Se poi che dà addosso deve molto q quell’idea, e quell’idea è il concetto universale di uguaglianza, giustizia sociale e libertà, allora penso che il Socialismo non verrà danneggiato da chi riporta notizie inesatte, ma troverà nuova linfa nel far sapere che è presente e vivo.

  2. Continuiamo pure ad osannare Renzo che usa ogni mezzo per screditare il socialismo.
    Con la complicità europea a fatto passare il pse come socialisti e democratici europei. infischiandosene una volta raccolti i voti.
    Oggo gongola quando i suoi lacché parlano di sconfitta dei socialisti.
    Che grande uomo. Continuate alisciarlo e a prostrarvi a 90°, sperando in una qualche benevolenza.
    Quando non si riesce a tenere la “schiena diritta”, c’è poca speranza. Enon tentate a convincerci del contrario. CHE UMILIANTE!

Lascia un commento