venerdì, 9 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Condannati all’oblio
Pubblicato il 13-12-2015


Non è da oggi che si intende oscurare la storia del socialismo riformista e liberale italiano: quello che va da Turati a Rosselli, fino a Nenni e Saragat, per raggiungere il Psi di Craxi. Siamo ormai abituati, e molte versioni del Pd lo testimoniano, al recupero di altre due tradizioni. Da un lato quella che, partendo da Togliatti, del quale pure si riconoscono errori, arriva a Berlinguer, dall’altro quella che, dalla sorgente di De Gasperi, che di Togliatti fu feroce avversario, si congiunge alla foce di Moro e Fanfani, attraverso gli affluenti di Dossetti e La Pira. Quest’ultima peraltro pare oggi quella più in voga nel gruppo dirigente renziano. L’altra sembra più confinata in soffitta, ma tutelata.

Quel che è avvenuto l’altro giorno in Consiglio comunale di Reggio Emilia in occasione della celebrazione del settantesimo anniversario del consesso repubblicano é un’altra perla della stessa catena. Si è scelto di trattare il contributo dei liberali, dei repubblicani, degli ex missini, dei verdi e anche dei leghisti, con il suo esponente Gabriele Fossa presente in camicia verde, tutti chiamati al tavolo dei relatori, assieme al fratello di Prodi, Quintilio, in rappresentanza della Dc. Dei socialisti solo un’anziana militante degli anni cinquanta a testimoniare la sua vocazione unitaria. Si é completamente ignorato il grande conflitto-collaborazione tra socialisti e comunisti che ha animato la storia di questo cinquantennio, e in particolare ha costituito il cuore della politica reggiana ed emiliana dal 1980 al 1990. La questione socialista ha animato il confronto politico, culminato con la rottura della giunta Pci-Psi nel dicembre del 1982, poi con la costituzione della giunta pluralista Pci, Psi, Psdi e Verdi del 1987 e infine con la perdita della maggioranza assoluta del Pci e col successo socialista del 1990.

Anche nelle immagini dei protagonisti che sono apparse nel corso dell’iniziativa ci sono dimenticanze emblematiche. Lasciamo perdere la mia che pure non ho dato un contributo marginale in diciotto anni di presenza in Consiglio, compresi quelli da vice sindaco, poi negli ultimi cinque da assessore, ma anche quella di personaggi storici comunisti e democristiani. E ahimè perfino dell’ex sindaco Antonella Spaggiari, completamente oscurata e solo ricordata con una citazione nel corso delle conclusioni del sindaco Vecchi, dopo la sua rottura col Pd. Ignoranza, supponenza, volontà di colpire gli eretici? Non saprei. Io sono stato ricordato come storico e forse in questa dimensione è giusto che non demorda e continui a battermi perché la storia sia storia di verità e non di manipolazioni ad uso e consumo di chi comanda.

Perché la storia socialista viva ancora, nonostante tutte le dimenticanze passate (nella Costituente si ricordano sempre, nella mia città, Nilde Iotti che ebbe un ruolo marginale, e Giuseppe Dossetti, quasi mai Meuccio Ruini, che svolse invece una funzione fondamentale, e mai il socialista democratico Alberto Simonini che nella Costituente assunse il ruolo di leader politico) vale ancora la pena impegnarsi. Si è celebrato Camillo Prampolini e nell’apposito comitato del 2008 solo una durissima polemica ha indotto le autorità a permettere una presenza socialista. Potrei continuare. Di una cosa sono certo. Finché avrò voce non smetterò di battermi per denunciare questa assurda e violenta, continua discriminazione. Perché chi non ha il coraggio della memoria, anche quando la memoria è dura da digerire, non può avere la forza di costruire il futuro.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. proposte concrete No Mauro,il tuo titolo proprio non piace a noi socialisti.Non si può tollerare di venire dimendicati dalla galassia politica del socialismo.Abbiamo la forza di costruire il futuro anche mediante connubio politico con i compagni del Nuovo PSI ed il coinvolgimento dei giovani.Si può crescere nei consensi elettorali con proposte concrete per il bene comune.Impegniamoci tutti già dal prossimo Congresso.Coraggio……Manfredi Villani

  2. Non intendo affatto dimenticare e non dimentico che i comunisti hanno sfasciato e stanno sfasciando questo paese. Vogliono relegarci nella storia, infatti non ho mai visto tanti documentari sulla storia del PSI per esaltare l’ala comunista e resistenziale. Proprio questi sono i motivi per i quali invito questa dirigenza, quindi anche tu direttore, a prendere le distanze da questo governo e da Renzi di battersi insieme ai vari professori contro il decreto Renzi-Boschi. Di presentare liste a Roma e presentarci con i nostri simboli e puntare su un sindaco che ha un “vero” programma di sinistra e di fare le “pulci” ai programmi che si presentano. Direttore ti invito a chiamare al dibattito pre e congressuale tutti coloro che si dichiarano socialisti e facciamo in modo che la commissione di garanzia elimini tutte le sospensioni in corso. In questi momenti bisogna richiamare tutti i Socialisti “abili” senza discriminazioni.

  3. Parole al vento Mauro e tu lo sai.
    Bisogna prendere il coraggio a due mani e sconfessare qualsiasi prospettuva di unità che significa solo essere antropofaggiati da questo mostro che è il PD!
    E chi vuole visibilità personale vada pure con loro; NOI DOBBIAMO COSTRUIRE IL NOSTRO FUTURO, NON IL LORO!

  4. Ripeto anche a te quello che ho scritto rispondendo ad altri. Non è che la storia socialista si salva se noi riusciamo a fare un partito del tre per cento, magari riuscissimo. Qui il tema è il seguente: la verità della storia. Per questo occorrerebbe, e non sarebbe neppure sufficiente, che tutti coloro che hanno aderito a qualsiasi partito, ma si sentono figli di questa tradizione, o che guardano ad essa con interesse e rispetto, si unissero in una sorta di fondazione, con giornali e riviste e ricerche e seminari di studio e altro ancora. Dobbiamo diffondere la verità della storia. E in essa esaltare il contributo dei socialisti riformisti e liberali.

Lascia un commento