venerdì, 2 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Libertà e “fuga” dalla povertà per Deaton
Pubblicato il 15-12-2015


deatonAngus Deaton, al quale è stato assegnato quest’anno il premio Nobel per l’economia, è un economista singolare: ha studiato presso l’Università di Cambridge, si è indirizzato originariamente verso gli studi di matematica, poi ha meditato di diventare filosofo della scienza e, alla fine degli anni Sessanta, ha maturato l’interesse esclusivo per lo studio dell’economia.
Nella sua biografia, egli stesso scrive d’essersi reso conto che l’economia gli si addiceva molto più della matematica, per via del fatto che essa comprendeva tre aspetti per lo più estranei allo studio della logica matematica. Tali aspetti, secondo Deaton, erano: la “teoria”, che illustrava e narrava i meccanismi sottostanti il funzionamento della base materiale del mondo; “i fatti” che potevano essere interpretati dalla teoria; la “scrittura”, aspetto molto trascurato dalla maggioranza degli economisti, che sono soliti interpretare i fatti attraverso formalizzazioni astratte, dove a volte fa difetto il riferimento proprio ai fatti da interpretare, che consentiva di narrare e descrivere i meccanismi sottostanti il funzionamento del sistema economico, in modo da fare emergere le implicazioni che potevano essere derivate dalla combinazione dei “fatti” con la “teoria”.
I motivi che hanno spinto Deaton a privilegiare gli studi dell’economia si avvertono con forza leggendo il suo ultimo libro tradotto in italiano, “La grande fuga. Salute, ricchezza e origini della disuguaglianza”; in esso il tema centrale è la narrazione della “fuga” dalla povertà, attraverso la spiegazione di “cosa” è accaduto nel momento in cui ha avuto inizio l’abbandono dell’indigenza da parte di singoli soggetti o di singoli Paesi; di “chi” ne ha beneficiato (perché “alcuni” sono riusciti a migliorare le loro condizioni di vita ed “altri” hanno fallito; infine, del “come” affrontare in prospettiva il problema delle disuguaglianze, che si formano o si approfondiscono ogni volta che, in un dato contesto sociale o nel mondo, si verifica uno “scatto in avanti” nel miglioramento delle condizioni di vita.
Nella prospettiva di Deaton, i fatti sono narrati tenendo conto di una visione globale della “fuga” dell’umanità dall’indigenza; ovvero, sulla base della considerazione che, così come all’interno dei singoli sistemi sociali, anche a livello dell’economia-mondo il miglioramento di un dato gruppo, o di un certo Paese, di solito va di pari passo con la possibilità che un altro gruppo o altri Paesi falliscano nella loro lotta contro l’indigenza.
Tuttavia, il fallimento dei ritardatari sulla via del miglioramento del loro livello di vita non esclude, secondo Deaton, lo spegnimento dell’insaziabile desiderio di libertà; desiderio, questo, che induce a tentare di conquistare la libertà anche nelle condizioni più difficili, perché è con la libertà che i ritardatari (individui o interi Paesi) conservano la possibilità di conseguire un livello di vita che sia degna di essere vissuta.

La Rivoluzione industriale e la globalizzazione delle economie nazionali in un unico mercato internazionale sono due fenomeni di rilevanza universale che, nella storia dell’umanità, hanno segnato, in modo particolare, due momenti di “fuga” dalla povertà; in entrambi i casi è cresciuta la prosperità, ma anche la disuguaglianza e quando quest’ultima diventa “ancella dello sviluppo – afferma Deaton – si commette un grave errore se ci si limita a guardare ai dati medi o, peggio ancora, ai soli dati relativi ai gruppi di successo”; si tratta di un tipo di approccio che, “non solo non tiene in alcun conto la maggioranza del genere umano ma che tace del contributo involontario” dei soggetti o dei Paesi danneggiati dallo sviluppo o, nella migliore delle ipotesi, semplicemente rimasti indietro.
Poiché il desiderio di fuggire dall’indigenza è sempre presente, occorre considerare che esso non sempre può essere soddisfatto. Può esserlo, se chi è rimasto indietro dispone delle conoscenze necessarie che solo l’ambiente istituzionale e sociale può rendere disponibili. Secondo Deaton, tutti coloro, singoli Paesi, che sono stati fortunati nell’aver avuto successo nell’attuazione della loro “fuga”, hanno “l’obbligo morale di contribuire a ridurre la povertà e cattiva salute nel mondo”, nel senso che i singoli soggetti o i Paesi cui la fortuna ha arriso hanno il dovere di soccorrere chi è rimasto prigioniero dell’arretratezza e della povertà.
Questo dovere, afferma Deaton, è adempiuto, a livello nazionale, attraverso politiche ridistributive del reddito, mentre, a quello internazionale, grazie agli sforzi dei Paesi ricchi a favore di quelli poveri. Sul contributo degli aiuti dei Paesi ricchi allo sviluppo di quelli arretrati, Deaton manifesta un discutibile pessimismo; egli, infatti, crede che gli aiuti compromettano la crescita dei Paesi che ricevono gli aiuti, per cui considera irragionevole continuare ad erogarli solo perché il farlo corrisponde ad un dovere di chi sta meglio.

Il pessimismo di Deaton sull’efficacia degli aiuti internazionali ai Paesi poveri è sicuramente fondato, perché gli aiuti spesso sono erogati tramite organizzazioni che vincolano la destinazione delle risorse a particolari impieghi, di solito rispondenti alla soddisfazione dell’interesse del Paese erogatore, non necessariamente coincidente con quello beneficiato; accade, infatti, che in assenza di un’autorità politica internazionale, l’afflusso degli aiuti cambi il più delle volte in peggio le condizioni sociali a livello locale. Ciò che, auspicabilmente, secondo il premio Nobel, dovrebbe accadere è che nei Paesi poveri si ripeta quanto si è verificato nei Paesi ricchi, ciascuno dei quali si è sviluppato a modo suo, con i propri tempi e sulla base delle proprie strutture economiche e sociali.
Malgrado il suo pessimismo, circa l’utilità degli aiuti internazionali ai Paesi poveri, Deaton ammette la possibilità che gli aiuti possano essere utili per realizzare politiche appropriate nell’interesse delle popolazioni locali. Un modo perché ciò possa avvenire è l’imposizione di condizioni, come quella di chiedere preventivamente ai governi dei Paesi poveri di impegnarsi a realizzare politiche nell’interesse dei loro cittadini; ma anche in questo caso, se gli aiuti vengono erogati a favore di Paesi governati da regimi oppressivi, questi di fatto potrebbero disattendere gli impegni assunti.

In realtà, se la libertà è intesa come Deaton l’ha definita, come desiderio irresistibile degli uomini e dei Paesi di migliorare il proprio status di sicurezza economica, la condizione cui vincolare i governanti dei Paesi poveri potrebbe essere quella di imporre loro, prima di ricevere gli aiuti, di dotare sul piano istituzionale il loro Paese di un’organizzazione “bene ordinata”, nel senso di John Rawls, ovvero di un’organizzazione politica che almeno garantisca il rispetto delle propensioni dei singoli cittadini a soddisfare le loro aspirazioni. Se ciò accadesse, potrebbero essere evitate le situazioni che hanno portato anni or sono alle dimissioni dalla vicepresidenza delle Banca Mondiale per la Ricostruzione e lo Sviluppo di Joseph Stiglitz, a causa del disaccordo sul fatto che gli aiuti fossero destinati a forme d’impiego che disattendevano l’intenzione dei governanti di un Paese povero di impiegarli per migliorare il livello di istruzione, condicio sine qua non perché il desiderio di “fuga” dalla povertà potesse essere soddisfatto con successo.

L’istruzione costituisce il presupposto perché prenda forma la libertà auspicata da Deaton; ciò perché è attraverso l’istruzione che diventa fondamentale la capacità sociale delle quale parla un altro grande economista esperto dei problemi propri dei Paesi poveri, Moses Abramovitz; questi, in un saggio famosissimo il cui titolo è “Catching Up, Forging Ahead, and Falling Behind” (Convergenza, sviluppo e rimanere indietro), apparso nel 1986 su “The Economic Journal”, sosteneva che le opportunità possono essere colte quando i Paesi poveri dispongono di una “capacità sociale” (social capability), consistente nella disponibilità di un quadro politico-giuridico utile a consentire ai suoi cittadini di sapersi adattare al cambiamento prodotto dall’istruzione, al fine di riuscire a “fuggire” con successo dalla povertà.

La maggioranza degli economisti, però, non è mai stata aperta alla comprensione della connessione esistente tra “social capability” e crescita economica, per cui assai raramente ha saputo offrire “ricette” adeguate per consentire a singoli soggetti, o a singoli Paesi in ritardo sulla via della crescita e dello sviluppo, di poter soddisfare l’aspirazione a sottrarsi alla trappola della povertà. A tale limite, sembra non essere riuscito a sottrarsi anche Deaton.

Gianfranco Sabattini

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento