martedì, 6 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Il comunista Sala ha fatto anche la rivoluzione d’ottobre?
Pubblicato il 24-12-2015


Dico subito che quella di Sala a Milano è un’ottima candidatura, per la sua esperienza amministrativa, per il successo di Expo, per la sua capacità di attrarre anche consensi di centro-destra. Certo, cantava il milanese Jannacci, l’importante è esagerare. E Sala sta mettendocela tutta per negare le sue origini e figurare come uomo di sinistra alle primarie. Esagerando oltre misura. Col rischio, però, di perdere i voti dell’altra sponda. Deve togliersi di dosso i panni di City manager della Moratti e vincere nel referendum sul miglior candidato sindaco di fronte al popolo rosso e arancione. Si presenta allora salutando a pugno chiuso, sostiene di non essere uomo dei salotti e di aver maggiori consensi nelle periferie, poi confessa di avere sempre votato Pci, Pds, Diesse, Pd. Qualcuno lo fermi per il suo bene. Se mai arrivasse a confessare di aver partecipato alla rivoluzione di ottobre al fianco di Lenin e di essere entrato per primo nel Palazzo d’inverno, gli spieghi che un comunista non è mai arrivato a Palazzo Marino. Si fermi, dunque, non gli è nemmeno utile.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Mettiamola in rima:
    per rinnegare Berlusconi si tira giù i pantaloni.
    per festeggiare il trasformismo va bene sempre il comunismo.
    Sarà pur bravo come dici, ma con i voltagabbana mi otturo sempre le narici.
    Je suis socialiste

Lascia un commento