venerdì, 2 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Parri, De Gasperi e gli albori dell’età repubblicana
Pubblicato il 17-12-2015


Sull’inserto domenicale del «Sole 24 Ore» (13 dicembre 2015, n. 343, p. 27) Roberto Napoletano, direttore del quotidiano milanese, presenta la figura di Ferruccio Parri, traendo spunto dalla lettera di Lorenzo Catania, che gli ricordava le dimenticanze della stampa italiana sulla caduta del suo governo il 24 novembre 1945. Piuttosto che rispondere al lettore per rievocare l’esperienza di Parri come uomo di governo, ora ricostruita nel volume Il colpo di stato del 1945. La cadura del governo Parri e l’autunno della Resistenza (edizioni People & Humanities) di Michelangelo Ingrassia, il direttore si lascia andare in divagazioni politiche, espresse con scarso senso storico. Egli pubblica la lettera di Lorenzo Catania e un suo «ricordo», censurando la parte più significativa, là dove si ricorda il riferimento di Carlo Levi all’esperienza governativa di Parri e alla sua militanza politica: «interventista e pluridecorato nella prima guerra mondiale, poi esponente del partito d’azione ed ex capo della resistenza armata contro l’occupazione nazifascista», come si legge nel suo intervento La troppo breve stagione del Governo Parri («Avanti!», 14 dicembre 2015). Queste precise notizie non possono far parte di un «ricordo» per la giovane età del lettore, che rileva anche la dedizione di Parri nella soluzione dei gravi problemi che travagliano il Paese durante il suo governo durato dal 21 giugno al 24 novembre 1945.
Nella ripresa di queste notizie e nella sua generica risposta, Napoletano commette un grave errore storico: «Dalla lotta armata con il reclutamento dei compagni, vicecomandante (“Maurizio”) del Corpo Volontari della Libertà, organizza la fuga all’estero di Filippo Turati e finisce in prigione, alla bandiera di quel “vento del Nord” che spinge l’Italia a rialzare la testa a uscire dal fascismo e dalla guerra». Il direttore colloca così la fuga di Turati avvenuta con l’aiuto di Parri nel periodo «del dopoguerra» e della Resistenza, confondendo vicende successe alcuni anni dopo l’ascesa al potere di Mussolini.
In realtà Turati, leader del Partito socialista unitario, era morto a Parigi il 29 marzo 1932 dopo una lunga e intensa attività politica svolta a favore dei lavoratori. E, per strana coincidenza della storia, la caduta del governo, richiamata dal lettore e avvenuta il 24 novembre 1945, precede di diciannove anni la fuga organizzata da Parri, insieme a Carlo Rosselli e a Sandro Pertini. Il 21 novembre 1926 comincia a Milano la complessa operazione, che presenta enormi difficoltà per l’occhiuta vigilanza della polizia fascista, incaricata da Mussolini di controllare l’abitazione del leader socialista di fronte alle guglie del Duomo. Spinti da un vivo sentimento umanitario, i tre «Grandi» socialisti mettono in atto la fuga di Turati per i suoi gravi problemi di salute (artrite, asma, attacchi d’angina), resi più gravi dal dolore seguito alla morte di Anna Kuliscioff avvenuta il 29 dicembre 1925. La teppaglia fascista aveva strappato quel giorno i nastri dalle corone al numero 23 di piazza del Duomo, passando nei giorni successivi ad atti intimidatori e aggredendo Riccardo Bauer e Ferruccio Parri al cimitero durante l’orazione funebre. Così il giorno della fuga, accanto ai fascisti che ripetevano il ritornello «con la barba di Turati / noi faremo gli spazzolini / per lustrare gli stivali di Benito Mussolini», Rosselli e Parri lo portano in salvo su un’auto guidata da Ettore Albini, critico teatrale dell’«Avanti!», e lo conducono a Caronno Ghiringhello a dieci chilometri da Varese. Dopo varie peripezie la fuga di Turati, grazie all’impegno di Sandro Pertini, si conclude a Savona, dove sale su una barca a motore guidata da Italo Oxilia con l’ausilio di Enrico Ameglio e Giuseppe Boyancé.
Dopo una traversata avventurosa, arriva in Corsica la mattina del 12 dicembre. Una traversata indimenticabile, su cui ritorna anni dopo lo stesso Parri, là dove scrive che Turati «aveva lasciato più che la sua patria [..] e sapeva che non avrebbe più rivisto la sua casa, sentiva che sarebbe morto in esilio». Giunto a Parigi, Turati riprende la sua lotta antifascista, rilasciando il 21 dicembre un’intervista al quotidiano «Soir», con cui deplora la scomparsa delle opposizioni ed afferma che solo la ripresa della vita democratica può distruggere la reazione fascista e il «dominio cesareo» di Mussolini.
Accanto ad una lettura superficiale del governo Parri, salutato invece con fiducia dal giurista fiorentino Piero Calamandrei, il direttore del quotidiano milanese si lancia in una difesa dell’attività politica di De Gasperi, il cui «realismo di governo ha posto le fondamenta per fare dell’Italia contadina una potenza economica mondiale», affermando che egli provò il «male sottile dell’Italia» basato sulla «scarsa educazione civile e politica», allorché subì il carcere durante il fascismo, senza ricevere alcun conforto dalla Chiesa. Se è vero che il politico trentino fu rinchiuso per breve tempo in carcere, è priva di fondamento storico la notizia sull’atteggiamento della Chiesa, che lo protesse invece nelle sale della biblioteca vaticana e sostenne la sua ascesa politica. Come poteva avvenire diversamente se De Gasperi aveva scritto parole elogiative della Conciliazione in una delle sue Lettere sul Concordato, rivelando il «valore oggettivo» della politica di Mussolini, a cui promise nel 1935 di «collaborare con lealtà»?
De Gasperi ricevette infatti l’appoggio del Vaticano, decisamente ostile alla Sinistra a sostegno del suo primo governo varato nel dicembre 1945. La capacità di De Gasperi fu piuttosto quella di utilizzare la carica di ministro degli Esteri, stabilendo rapporti cordiali con i rappresentanti americani in Italia e con il governo degli Stati Uniti. Lo sviluppo dell’Italia postbellica fu possibile grazie alla concessione di 50 milioni di dollari versati dal segretario del tesoro americano John W. Snyder. L’appoggio fu anzitutto economico attraverso ingenti aiuti erogati per la garanzia democristiana sulla stabilità anticomunista del Paese: aiuti americani gestiti direttamente da Ludovico Montini, fratello del futuro papa Paolo VI e collaboratore di De Gasperi.

Nunzio Dell’Erba

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento