giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Nencini: “Ripartiamo dai giovani per un’Italia migliore”
Pubblicato il 09-12-2015


Riccardo Nencini ci tiene a buttarla in politica. Vuole lanciare messaggi propositivi, convinto che il futuro della nostra comunità dipenda dalla nostra capacità di elaborare idee e progetti politici e non di accettare la logica di un chiassoso e improduttivo fracasso interno. E allora chiedo cosa bolla in pentola a più di un mese da una conferenza programmatica che aveva segnalato una notevole attenzione e partecipazione e anche una buona capacità di elaborare proposte concrete


Intervista del direttore dell’Avanti!, Mauro Del Bue, al segretario del Psi, Riccardo Nencini

Nencini congresso nov 2013Nencini: Stiamo cucinando due buoni piatti da proporre a Roma e altri due di sapore regionale. I due nazionali sono costituiti dalle proposte di legge sulla modifica dell’Italicum sul premio di maggioranza, da trasferire dalla lista alla coalizione, e l’altro dall’elezione diretta del vertice delle città metropolitane. I due regionali sono rappresentati dall’estensione del diritto di voto ai sedicenni e dalla regolamentazione dei gruppi di pressione o lobby, che in Italia hanno un potere enorme, ma senza alcuna regolamentazione, contrariamente a quanto avviene in altri paesi.

Del Bue: Partiranno anche le conferenze regionali?

Nencini: Sì, ma innanzitutto nella dimensione comunale. Conferenze programmatiche sono previste a Milano in primavera, ma anche a Roma, a Bologna, a Torino, a Trieste, a Napoli. Cioè nella grandi città in cui si vota.

Del Bue: In queste grandi città il Psi sta valutando la possibilità di presentare liste sue o in alleanza con altri soggetti di radice laico-riformista?

Nencini: Certo, ma adesso il tema è la modalità di svolgimento delle primarie. Noi abbiamo lanciato la proposta di svolgere primarie di coalizione e aperte alle quali partecipare anche con candidati nostri. A Napoli, ad esempio, lanceremo una candidatura socialista nella persona del medico Marfella, valente primario ospedaliero, assai impegnato nella cura delle malattie derivate dalla terra dei fuochi. In altre città parteciperemo o con liste nostre o con liste laico-civico-socialiste.

Del Bue: Dopo il fallimento dell’esperienza Marino pare che a Roma sia inevitabile il trionfo dei Cinque stelle…

Nencini: Occorre pensare a un candidato rappresentativo del centro-sinistra, che si ponga in forte discontinuità con l’amministrazione precedente che ha fallito. A Roma hanno fallito sia Marino sia il Pd. Bisogna ammetterlo…

Del Bue: E i socialisti hanno ripreso un rapporto coi radicali.

Nencini: Abbiamo ripreso un rapporto che potrebbe anche portarci a presentare una lista comune.

Del Bue: A Napoli l’ex governatore regionale Stefano Caldoro ha aperto a una prospettiva di unità socialista riformista. Questo proprio nella città che più di altre dovrebbe avere risentito dei guasti della scissione di Di Lello.

Nencini: E noi che abbiamo apprezzato le sue idee proponiamo subito a Caldoro la presentazione di una lista unica dei socialisti napoletani alle elezioni comunali. Per quanto riguarda Di Lello ho verificato personalmente che a Napoli non si è proprio avvertita la sua separazione. Anzi il partito mi pare accresciuto di nuovi innesti.

Del Bue: A Milano si stanno misurando diverse ipotesi legate ad alcuni candidati di diversa provenienza. In campo c’è Sala, dopo la positiva esperienza dell’Expo, ma anche il vice sindaco di Pisapia per una continuità con la sua esperienza amministrativa precedente. Poi ci sono anche altri candidati del Pd e di Sel.

Nencini: Personalmente preferirei giocare la carta Sala. Mi sembra la più forte, dopo l’Expo, quella che ha la capacità di rivolgersi alla società milanese non necessariamente ancorata alla politica del centro sinistra. Dunque è la candidatura che ha le maggiori possibilità di vittoria.

Del Bue: Parliamo dell’Italia dopo la strage di Parigi del 13 novembre. Il Psi non sente l’esigenza di una maggiore solidarietà coi socialisti francesi che oggi sono al governo?

Nencini: Certo. Noi non solo siamo solidali e appoggiamo le scelte di Hollande, ma siamo in sintonia anche coi socialdemocratici tedeschi che hanno sostenuto le decisioni del governo della signora Merkel e con quella parte di Labour che con Tony Bell si è subito sintonizzata coi socialisti francesi e tedeschi. Devo anche dire che l’intervista di Renzi al Corriere di oggi non esclude, ma anzi per taluni aspetti auspica, un maggiore coinvolgimento italiano nell’ambito di una coalizione internazionale che chiarisca bene i suoi obiettivi strategici.

Del Bue: Parliamo di noi, della nostra attività al governo e in parlamento. Quali sono i nostri trofei da esporre di fronte ai socialisti e agli italiani?

Nencini: Innanzitutto il piano casa, poi il codice degli appalti e la legge sull’omicidio stradale, delle quali sono stato protagonista al governo. In parlamento ricorderei le battaglie contro il gioco d’azzardo, la legge sulla divisione delle carriere dei magistrati, purtroppo non ancora approvata, e quella sulla responsabilità civile dei magistrati che è invece legge. Voglio anche rammentare il ruolo di Pia Locatelli sui diritti civili. E di Pastorelli sull’agricoltura e quella biologica, nonché sull’esenzione dell’Imu agricola

Del Bue: Con Interessi comuni e Primo consumo abbiamo lanciato idee sulle banche e una proposta di istituire una giornata nazionale contro il gioco d’azzardo patologico.

Nencini: Sono idee già raccolte in particolare da Enrico Buemi. Intanto nella legge di stabilità proponiamo un fondo di sostegno per gli obbligazionisti delle quattro banche oggi al tappeto. Ma inizieremo anche una battaglia conto il cosiddetto Bail in, cioè la possibilità delle banche di rivalersi sui correntisti che hanno un deposito superiore ai centomila euro, in caso di fallimento ma anche solo di crisi. Poi abbiamo già presentato due proposte di legge sui guadagni bancari in caso di fallimenti e sulla centrale rischi che si pone oggi come una condanna a morte dell’ipotetico investitore.

Del Bue: Pariamo anche di noi. Alcuni compagni che intendono presentare una mozione al congresso sostengono che non è possibile accedere al tesseramento. È vero?

Nencini: Si rivolgano al partito e non all’avvocato. Esaminino pure e senza alcuna obiezione da parte di nessuno un tesseramento approvato all’unanimità il primo aprile, che conta oggi esattamente su 23.957 iscritti, cioè un dieci per cento in più del 2013.

Del Bue: Ma sostengono anche che tu e l’attuale maggioranza del PSI puntiate nelle prossime elezioni politiche ad entrare ancora nelle liste del Pd.

Nencini: Siamo logici. Se noi facciamo la battaglia sull’Italicum per ripristinare le coalizioni è perché abbiamo in testa l’idea di presentare una lista alleata, ma separata dal Pd, che possa superare il tre per cento. Se no saremmo autolesionisti. Aggiungo che dobbiamo anche smettere di parlarci addosso. Rischiamo sempre di apparire degli inguaribili autolesionisti. La nostra autoreferenzialità ci danneggia. Abbiamo la tendenza a parlare solo di noi, pensando così di risolvere i nostri guai. Che invece così aumentano.

Del Bue: Chiuso il caso Benzoni con le scuse dell’interessato?

Nencini: Chiuso e sepolto. Vorrei solo aggiungere che personalmente non ho mai offeso nessuno e mi sono sempre confrontato volentieri con chi parla di politica e non la pensa come me.

Del Bue: Poi ci sono anche quelli che hanno deciso di riabilitare il vecchio simbolo delle falce e martello. Francamente pensavo di trovare di tutto nel Psi ma non i figli di Morandi.

Nencini: La falce e il martello la sotterrammo a Rimini nel 1987. Craxi ci ricordò che era un simbolo comunista introdotto da Bombacci. Nel 1922 era già stato ripudiato dal Psi di Turati e Matteotti.

Del Bue: Fiducia dunque nel futuro del PSI?

Nencini: Girando l’Italia ho avuto sensazioni positive. Soprattuto al Sud c’è verso di noi un’attenzione nuova, perfino inaspettata. In Campania, Basilicata, Abruzzo, Calabria, Sicilia, ma anche nelle Marche stanno arrivando a noi amministratori e vecchi iscritti provenienti da Forza italia, dal Partito democratico, da liste civiche. A Rende, l’altra sera, c’erano duecento compagni e ventitré giovani si sono iscritti davanti a me. Ci sono giovani anche a Roma, nel partito. E questi giovani saranno il nerbo del partito del futuro quello che dovremo lanciare col prossimo congresso di fine febbraio. Sarà un congresso interessante e positivo se sapremo superare differenze artificiose e anche qualche pigrizia interna e se sapremo rivolgerci agli italiani con un linguaggio nuovo e con una nuova classe dirigente.

Mauro Del Bue

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. L’intervista contiene diversi spunti interessanti. Il segretario non pecca certo di buona volontà anche se mi sembra che siamo sempre un po’ troppo in linea col pd renziano. Mi incuriosisce in particolare il ‘caso’ napoletano. E dopo le elezioni, posto che facciamo una lista con Caldoro, questi (speriamo) neoeletti chi sosterranno? Il sindaco di sinistra o quello di destra? O il grillino? Mi pare difficile fare una ricomposizione dei socialisti senza parlare di contenuti, programmi, alleanze. Prima di dare il mio voto per la città, vorrei sapere cosa ne faranno gli eletti. O no?
    PS: permettimi un consiglio. Hai firmato questa intervista e leggo la tua firma nel fondo a fianco e poi sotto in un bel pezzo sull’Opera. Poi c’è l’Occhio di bue, che immagino sia sempre opera tua e fanno quattro! Prima che qualcuno ti accusi di aver confuso l’Avanti! col tuo blog perché non ti inventi qualche pseudonimo?

  2. Caro Riccardo
    Consentimi di soffermarmi sulle candidature per le elezioni a Sindaco di Napoli e Milano.
    Per Napoli esprimi un orientamento politico di autonomia socialista verso una soluzione unitaria con Caldoro del Nuovo PSI, mentre per Milano preferisci esprimerti, anziché su di una candidatura politica, a favore di un tecnico, quale è appunto Sala, che tutti danno ormai come il candidato ufficiale di Renzi.
    Ritengo molto positiva la soluzione con Caldoro in quanto viene incontro alla necessità di iniziare ad abbattere gli steccati tra i socialisti. Spero ci aggiornerai sui dettagli di come si collocherà la Lista socialista, ma al momento l’importante è che si sia iniziato a ragionare su una visione di superamento della diaspora socialista la cui ricomposizione diventa indispensabile per la sopravvivenza di una forza socialista in Italia.
    Ritengo che l’invito di Caldoro a lavorare per l’unità dei socialisti poterebbe essere anche l’occasione per rilanciare una nuova Costituente per la quale oggi le condizioni appaiono più favorevoli rispetto al naufragio della precedente. Gli italiani hanno ormai maturato la propensione verso un sistema bipolare, ma non bipartitico, che significa che con il sistema bipolare gli italiani vogliono continuare ad essere rappresentati proporzionalmente in base alle loro culture, valori e visione della Società.
    Veniamo a Milano.
    Ho avuto occasione di ascoltare in TV dalla Gruber l’attuale Vice Sindaco e candidata a futuro Sindaco da Pisapia.
    È una donna che esprime una grande passione per la Politica che ha abbracciato come la missione della sua vita e, precedentemente all’esperienza di Milano si è conquistata con le preferenze un seggio al Parlamento europeo. Una donna quindi di esperienza amministrativa e sensibilità verso i bisogni dei più deboli e le varie articolazioni di una città complessa come Milano.Nel momento in cui dall’impotenza della Politica è nato il Governo dei tecnici di Monti e dall’antipolitica i 5 Stelle, quando i Partiti ancora stentano a creare nuove e valide classi dirigenti, e fra questi il PD, la tua scelta verso un tecnico oltre che perplesso, come socialista mi amareggia.
    Tieni conto che per oltre 40 anni ho esercitato la professione tecnica in Italia e all’estero e la Politica mi è entrata nel sangue solo come partecipazione civica e grazie al fascino dell’ideale socialista.
    Rimango convinto che l’indirizzo e la direzione delle scelte devono essere politiche mentre la Politica individua successivamente i tecnici più capaci per la Gestione dei programmi indicati agli elettori.
    Tu che operi in uno dei Ministeri più tecnici, pensi che Tu e Del Rio dovreste essere sostituiti da due ingeneri??
    C’è da gestire ancora il dopo Expo e come tecnico Sala sarebbe il più indicato. Dirottarlo come supplente in un ruolo politico che a Milano può essere positivamente ricoperto da esponenti politici, è un’abdicazione della Politica al suo ruolo, che come Segretario del PSI non avresti dovuto esprimere. Inoltre nel momento delicato che viviamo al nostro interno, di cui uno degli elementi di scontro è rappresentato dalla denuncia di una scarsa autonomia del PSI dal PD, ti sembra opportuna questa scelta e testimonianza verso Renzi??
    Caro Mauro: un politico di lungo corso come te e testimone giornaliero degli umori dei lettori dell’Avanti poteva evitare questa domanda e le conseguenze che senz’altro innescheranno al nostro interno e nel centro sinistra.
    Gradirei un vostro commento che spero potrà rispondere anche alle perplessità di altri compagni.
    Nella mia franchezza vi saluto fraternamente.
    Je suis socialiste

  3. Hai ragione. Ma non riesco ormai a nascondermi sotto nessun pseudonimo. Quanto al blog ce l’ho. Si chiama proprio locchiodelbue. Sarà l’amore per l’Avanti che mi spinge a essere prolifico. Spero apprezziate.

    • Hai risposto ad Alfonso Marcolin. Non per presunzione ma penso per un diritto, attendo una risposta da Te e da Riccardo.
      “Vergin di servo encomio e di codardo oltraggio…”
      Je suis socialiste

    • Carissimo Mauro
      Quale Direttore e autore dell’intervista,puoi renderti promotore per un lettore dell’Avanti di sollecitare una risposta da parte del nostro Segretario Nencini??
      Approfitto per un’altra domanda: Ma certe decisioni per Milano non si prendono collegialmente in una Direzione Nazionale anzichè affidarla ad una scelta personale rilasciata in un’intervista, e per lo più all’Avanti?? E anche Tu caro Mauro, per la tua esperienza politica e la conoscenza dei sentimenti dei lettori dell’Avanti, che quasi giornalmente esprimono il gravo disagio dell’autonomia del PSI verso il PD, non potevi evitare questa inopportunità??
      Ma la Politica dobbiamo commissariarla come ha deciso di fare Renzi a Roma e ora a Milano e probabilmente in altre circostanze per l’incapacità del PD di dotarsi di una classe dirigente all”altezza della gestione delle responsabilità che l’Amministrazione delle città richiedono?? che aspettiamo per avviare il riscatto politico della nostra Storia??
      Nencini in suo editoriale diceva che i Socialisti devono essere dei pionieri e non dei nostalgici. Io ho nostalgia dei vecchi pionieri socialisti e continuerei nel mio piccolo a cercare di esserlo se non me lo impedissero i miei 82 anni. Allons ennfants…
      Scusami, ma anche questa circostanza non sono riuscito a digerirla
      Con affetto, Nicola

  4. Se posso esprimere una modesta opinione, la candidatura di Marfella è proprio una proposta affascinante, spero vincente, di certo innovativa. Condivido anche la candidatura di Sala. P.s. Spero che il Direttore continui a scrivere, scrivere e scrivere tanto, ogni suo articolo arricchisce l’Avanti! e il Partito di spunti e idee interessanti.
    Cordiali saluti, Mario Mosca.

  5. Grazie Mario, troppo buono. A Nicola: già sollecitato Nencini. Aggiungo che la domanda gliel’ho fatta io e che Nencini ha espresso una preferenza. Nulla di più. Nessuna decisione dal centro e pieno rispetto per le scelte locali.

    • Grazie Mauro per la tua sollecitazione verso Nencini.
      Ho ricevuto la richiesta dalla Sua Segreteria di un mio recapito telefonico per un contatto.
      Anche a me non dispiace il tuo attivismo letterario. Su più fronti e tematiche stimoli il dibattito e solleciti proposte.
      E quello che dovrebbero fare tutti dirigenti socialisti ad ogni livello anche fuori dell’Avanti. Je suis socialiste

  6. Leggo che a Napoli si starebbero preparando, per le prossime elezioni comunali, liste comuni con Stefano Caldoro. Non mi risulta. Mi risulta, invece, che Stefano Caldoro sia il leader campano della coalizione di centro destra che abbiamo avversato e sconfitto alle elezioni regionali solo qualche mese fa. Mi risulta, inoltre, che abbiamo annunciato la partecipazione alle primarie del centro sinistra con un nostro candidato. Mi pare di cogliere qualche contraddizione. Se qualcuno mi aiutasse a capire gliene sarei grato.
    Vittorio D’Ippolito
    Consiglio Nazionale PSI

  7. Di Sala non so molto, se non che ha curato l’Expo. Il prof. Marfella, invece, è un pilastro dell’oncologia della mia regione. Nell’uno e nell’altro caso, la politica continua ad abdicare in favore di tecnici e società civile. Pessimo segnale per i partiti, che, a partire dal 1992, pare vogliano sempre più nascondersi o mimetizzarsi. Umanamente, un grosso in bocca al lupo al prof. Marfella, se non altro per il suo impegno costante in merito all’avvilente problema della Terra dei Fuochi.

Lascia un commento