domenica, 4 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Turchia-Russia: la tensione corre anche via mare
Pubblicato il 14-12-2015


russia turchiaNon si allenta la stretta del braccio di ferro tra Ankara e Mosca. Oggi un portavoce del Cremlino ha annunciato l’annullamento del vertice bilaterale tra il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo turco Tayyip Erdogan previsto per domani a San Pietroburgo, il portavoce ha commentato solo: “Non ci sarà, non è stato fissato”. L’incontro bilaterale tra i due presidenti era stato concordato durante a margine del G20 di novembre, prima dell’abbattimento di un caccia russo da parte dei turchi al confine con la Siria.

Dopo quell’avvenimento i rapporti tra i due Paesi sono diventati critici al punto che Putin ha annunciato “una guerra commerciale” contro la Turchia e a colpi di avvertimento come l’ordine di “abbattere immediatamente qualsiasi bersaglio” che minacci le truppe o le infrastrutture russe in Siria. Ma ancora più grave, agli occhi di Erdogan, è l’ultima “provocazione” da parte del Cremlino: ieri, secondo quanto riferito dal ministero della Difesa di Mosca, una fregata russa è stata costretta a sparare per evitare una collisione con un peschereccio turco nel Mar Egeo. Mentre in queste ultime ore una nave commerciale turca è stata costretta a cambiare rotta da due navi militari russe nel Mar Nero perché impediva il passaggio a un gruppo di navi russe che trasportava da Odessa “alle acque territoriali” di Mosca due piattaforme petrolifere per la trivellazione della società Cernomorneftegaz.

E mentre continua la crisi diplomatica tra i due Paesi, Ankara ha deciso di ritirare le truppe dall’Iraq. “Nell’ambito di nuove disposizioni, un convoglio di 10-12 veicoli che trasportano parte delle nostre truppe a Bashiqa si è spostato verso il nord dell’Iraq”, lo riferisce l’agenzia di stampa statale Anadolu.

Maria Teresa Olivieri

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento