venerdì, 9 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Caso Uva senza colpevoli. Pm chiede l’assoluzione
Pubblicato il 15-01-2016


casouvaAncora un caso Cucchi. Dopo due ore di requisitoria il pm del Tribunale di Varese Daniela Borgonovo ha chiesto l’assoluzione per i sei poliziotti e due carabiniere accusati dell’omicidio di Giuseppe Uva, morto nella notte tra il 13 e il 14 giugno 2008. L’assoluzione è stata chiesta perché il fatto non sussiste relativamente alle accuse di omicidio preterintenzionale, abbandono di incapace e abuso di potere, mentre l’assoluzione è stata chiesta per l’accusa di arresto illegale perché il fatto non costituisce reato. Il procuratore ha chiesto l’assoluzione degli imputati per tutti i capi di imputazione sostenendo che “non vi è nessuna prova delle lesioni” che sarebbero state inferte a Uva, come denunciato dai familiari del muratore morto la mattina del 15 giugno 2008. “I testimoni che hanno riferito di percosse- ha spiegato il magistrato – o hanno ritrattato o sono stati smentiti dai fatti”. Il processo ricomincia il 29 gennaio quando interverranno gli avvocati di parte civile dei familiari del muratore.

Per il legale di parte civile di Lucia Uva, sorella del muratore morto dopo essere stato portato in caserma dai carabinieri, quella che ha fornito il procuratore è “una ricostruzione assolutamente parziale e che sarà smentita”. “Del resto – ha detto l’avvocato Fabio Ambrosetti – un giudice ha già smentito tre pm”. Il riferimento è a due richieste di archiviazione presentate dalla procura. La sorella di Uva è stata invece parca di commenti. “Complimenti alla dottoressa Borgonovo” si è limitata a dire ala conclusione dell’udienza. “Il pm ha fatto un’analisi molto dettagliata della vicenda. Speriamo che la Corte d’Assise non si faccia condizionare dalla politica o dai media, cosa che sembra sia già accaduto in questo caso”, commenta l’avvocato Piero Porciani, difensore di uno degli agenti imputati al processo.

Redazione Avanti!

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento