venerdì, 9 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Colonia, violenze di gruppo a Capodanno
Pubblicato il 06-01-2016


coloniaColonia e l’intera Germania sono sotto shock per il capodanno da incubo in cui sono incappate decine di donne che hanno avuto la sventura di attraversare la piazza della stazione centrale di Colonia nella notte di San Silvestro. Circondate, molestate sessualmente, palpeggiate, derubate di soldi e telefonini da uomini ubriachi radunatisi nella piazza che si estende tra lo scalo ferroviario e il duomo. Alcune delle vittime hanno riferito di aggressori dall’apparenza “araba o nordafricana”, e almeno una delle circa 90 donne che hanno sporto denuncia ha denunciato di essere stata violentata. Il tipo di incidenti, secondo la polizia, è simile ad altri avvenuti, su scala minore, a Duesseldorf, dove in passato delle donne sono state distratte con violente molestie sessuali mentre venivano derubate.
I fatti senza precedenti che hanno sconvolto la Germania, hanno varcato i confini nazionali e rimettono in primo piano la questione della gestione dei migranti. Il ministro dell’Interno, Thomas de Maiziere, ha infatti cercato di placare i toni: “Il fatto che un gran numero di persone che sono apparse essere immigrati abbia commesso questi attacchi costituisce un fatto nuovo, ma questo non deve portare alla situazione in cui i rifugiati che cercano protezione vengano visti in generale in modo sospetto”. La cancelliera Angela Merkel ha chiamato il sindaco di Colonia per esprimerle la propria indignazione su quanto accaduto e che il governo farà di tutto affinché “i colpevoli siano puniti al più presto, di qualsiasi origine siano”. Il sindaco della città tedesca, Henriette Reker ha riunito un’unità di crisi che dovrà studiare le misure da prendere per evitare che fatti simili si ripetano. Al momento tre degli aggressori sono stati identificati, ma non ancora arrestati.

Redazione Avanti!

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento