domenica, 4 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Dichiarazione di voto dell’onorevole Oreste Pastorelli sul reato di omicidio stradale
Pubblicato il 21-01-2016


Il testo che ci apprestiamo a votare contiene misure di estrema importanza: conosciamo tutti le cifre riguardanti gli incidenti con morti o feriti che ogni anno si consumano sulle strade del nostro Paese e sappiamo altrettanto bene che l’introduzione di sanzioni penali per coloro che hanno causato tali incidenti non è più rinviabile. Il crescente numero di morti e feriti sulle strade rappresenta un vero e proprio allarme sociale, il quale non poteva che essere arginato con le misure presenti in questa proposta di legge. Non solo, l’introduzione del reato di omicidio stradale costituisce una risposta chiara e ferma anche nei confronti dei familiari e dell’Associazione delle vittime della strada, a cui, troppo spesso, è mancato il sostegno dello Stato.

La previsione di pene detentive avrà certamente una funzione di contrasto e di deterrenza rispetto a condotte imprudenti o sconsiderate. In questa sede, però, mi preme insistere anche su un altro aspetto: poste le norme che puniscono tali condotte, occorre ora mettere in campo misure in grado di prevenirle, e ciò è possibile solo attraverso un cambiamento culturale, un diverso approccio nei confronti delle regole da rispettare al volante. Tale cambiamento, è chiaro, deve iniziare sin dalle scuole primarie e secondarie mediante adeguati programmi di educazione civica e stradale: solo così sarà possibile ridurre effettivamente il numero di morti sulla strada per un’imprudenza o per condotte deliberatamente irresponsabili.

Questo provvedimento testimonia una doverosa consapevolezza da parte delle Camere rispetto ad un fenomeno tragico e purtroppo di stringente attualità. Per queste ragioni esprimo dunque il convinto voto favorevole della componente socialista al presente disegno di legge.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento