venerdì, 9 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Facile e veloce:
Peach, il social magico
Pubblicato il 26-01-2016


Peach-app-640x360Si basa su comandi quasi magici – per ora disponibili solo in inglese – il nuovo social che aspira a condensare il meglio del meglio dei fratelli già in vita nel cloud. Così il nuovo nato, #peach, è un po’ Whatsapp, un po’ Twitter, un po’ Facebook.

Ma, soprattutto, risponde a comandi ben precisi. A parola corrisponde azione: draw (disegnare) – ad esempio – permette di postare qualcosa di realizzato a mano libera sullo schermo touch del telefonino.

Song apre direttamente una piattaforma di condivisione per la musica che si sta ascoltando. Insomma: parole magiche dove weather linkerà direttamente al tempo meteorologico del luogo dove ci troviamo, mentre battery farà comprendere agli amici connessi che – se si scompare – è per via della poca carica della batteria.

I caratteri possono essere più di 140, ma il mezzo è agile e non induce alla prolissità. Nell’era in cui Twitter pare essere moribondo, si affacciano sulla scena social piattaforme sempre nuove, capaci di sintentizzare il meglio di quanto il web offre.

A guarnire i post immancabili le emoticon, nelle sue più svariate accezioni: ne esistono di ogni genere, gusto e grado. Sono già 40 milioni gli utenti registrati su #peach, non resta che provare.

Alessia Chinellato

Alessia Chinellato

Alessia Chinellato

Giornalista e #blogger, studio le ricadute che i #social network hanno sulla vita dell'uomo medio. Come lo aiutano, quanto lo illudono. Perché una marea di connessioni talvolta equivale al deserto relazionale. Nella prossima vita sarò The Hammer. Su Twitter @alechinellato

More Posts

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento