sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La Democrazia Cristiana denuncia Maurizio Sarri
Pubblicato il 25-01-2016


maurizio-sarri-napoli_1vadfe7txloia13dcljbsubudlColpo di scena nella vicenda che ha visto protagonisti l’allenatore del Napoli Maurizio Sarri e quello dell’Inter Roberto Mancini al termine della semifinale di Coppa Italia. Il litigio scoppiato tra i due nel corso della gara ha fatto discutere molto in questi giorni, le parole ‘frocio’ e ‘finocchio’ pronunciate da Sarri a Mancini hanno sollevato un polverone che ha occupato pagine e siti web dei giornali italiani e internazionali. Tutti si aspettavano una reazione da parte di Mancio e invece è arrivata dalla Democrazia Cristiana.

Il tecnico interista infatti ha perdonato il collega, che comunque è stato squalificato dal giudice sportivo per due turni di Coppa Italia.

Sarri però in conferenza stampa, nel tentativo di giustificare la sua aggressione verbale a Mancini aveva dichiarato: “Ho detto la prima offesa che mi è venuta in mente, gli avrei potuto dire sei un democristiano”. L’affermazione non è passata inosservata alla Democrazia cristiana, che ha deciso di presentare oggi al Procuratore capo di Palermo Francesco Lo Voi, attraverso i legali Anthony De Lisi e Angela Ajello del Foro di Palermo, una denuncia-querela nei confronti del tecnico dei partenopei.

L’esposto è a firma di Alberto Alessi, segretario nazionale della ‘Democrazia Cristiana Nuova’, ex deputato Dc e figlio di Giuseppe Alessi, primo presidente della Regione Siciliana e tra i fondatori della DC e del suo simbolo. “Non vi è dubbio che il comportamento di Sarri abbia di fatto leso l’appartenenza a colori i quali si riconoscono nella Democrazia Cristiana, oltre che a tutti i cittadini che comunque ne riconoscono la valenza sociale, politica e culturale” ha chiarito la Balena bianca.

Stefano Lanzano

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento