domenica, 11 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La guerra di Libia
Pubblicato il 20-01-2016


Che l’Italia vanti diritti sulla Libia è falso. Forse vanta più doveri. La guerra di Libia voluta nel 1911 da Giolitti, che costò la dissociazione del PSI dal suo governo, sfociò in una sanguinosa occupazione. Non a caso Gheddafi ha preteso da Berlusconi risarcimenti postumi di un certo rilievo. La verità è che la Libia è geograficamente e anche economicamente un paese vicino. Quando nel 1986 Reagan decise di bombardare Tripoli e Bengasi il governo Craxi si dissociò e non concesse le basi americane in Italia. Cosa diversa fece il governo Berlusconi che, pur manifestando preoccupazione, inviò anche i mezzi italiani ad appoggiare la rivoluzione anti Ghedafi, dopo l’intervento francese e americano.

Oggi il problema ci si ripresenta e dopo avere fallito per due volte la nomina di un italiano come mediatore tra i governi di Tripoli e di Tobruk, all’Italia è affidato dalla comunità internazionale un ruolo di coordinamento al quale certo non può sottrarsi. Recentemente il ministro Gentiloni ha ricordato le sue stesse mosse per pacificare quel martoriato territorio. Il nuovo governo, dopo oltre un mese dalla ratifica dell’accordo di Skhirat, ha finalmente preso luce, anche se la sua ratifica è affidata ai due parlamenti di Tripoli e di Tobruk e le opposizioni non sono marginali. Il nuovo presidente Serraj si appresta a superare ostacoli tutt’altro che indifferenti come quello derivato dalla mancata nomina del generale Haftar, amico degli americani. L’inviato Onu, il tedesco Kobler, preoccupato, ha commentato: “Non si può aspettare. Così si rischia un’alleanza tra il Califfo e Boco Haram”.

Resta il fatto che l’avanzata e il terrore seminato dall’Isis continuano. Una parte cospicua del territorio libico è ormai nelle mani del Califfato. Si spargono tensioni e lutti tra le macerie. La città di Ben Jannad è stata occupata e 150 sono i prigionieri nelle mani dei terroristi, dei quali tre già barbaramente trucidati ed esposti come trofeo. Un uomo crocifisso è stato anch’esso esposto in un macabro rituale. Si è pure sparsa la voce di altri 150 prigionieri, mentre al confine tra Siria e Iraq si verificano nuovi massacri, dopo le stragi di Istambul e del Burkina fasu, dove ha trovato la morte anche un bambino italiano di nove anni. La Germania ritiene ormai inevitabile un intervento militare. Gentiloni lo rimanda alla richiesta ufficiale del nuovo governo libico che, se finalmente verrà ufficializzato, non tarderà ad essere formulata. Penso che serva una strategia politica e militare comune della comunità internazionale su tutta la zona. Concentrarsi solo sulla Libia appare riduttivo.

Resta una domanda. Una volta insediato il nuovo governo libico cosa farà l’Italia? Secondo l’esperto militare Margelletti a poco servono i bombardamenti. Occorre un’invasione di terra. É lo stesso parere del generale Camporini, già capo di stato maggiore dell’Aeronautica e della Difesa e oggi vice presidente dell’Istituto Affari internazionali. Difficilmente l’Italia, dopo aver rivendicato a lungo un ruolo di primattore in Libia, potrà sfilarsi. Mi chiedo però se l’opinione pubblica italiana sia preparata a questo passo, dopo che il governo ha negato di essere in guerra preferendo giocare coi dvd. Da tempo scriviamo sull’Avanti che la situazione imporrà inevitabilmente scelte impopolari. Penso che avremmo fatto meglio a prospettarle subito alla nostra comunità. Se ci dichiariamo pronti a raid aerei in Libia e se non possiamo voltarci dall’altra parte qualora il governo libico ci chieda di inviare truppe, siamo convinti che tutto passerà senza tensioni gravi e senza che qualcuno riprenda i discorsi di ieri?

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Io penso che dobbiamo impegnarci con convinzione per cercare di dare stabilità di governo alla Libia, ma anche per difendere i nostri interessi.
    Non escludo un intervento militare da parte nostra, se ci verrà chiesto da parte del legittimo Governo Libico e dall’O.N.U.

  2. Mesi fa commentai un tuo articolo “Il Psi sta coi francesi e con il socialista Hollande – Pubblicato il 19-11-2015”: «I Socialisti sono innazitutto Socialisti per la Libertà e per la Giustizia Sociale. Resto del parere che l’Europa deve reclutare una brigata europea sotto il comando della Legione Straniera Francese formata da divisioni: inglesi, italiane, tedesche e da chi si sente veramente europeo. E se necessario vada a dar man forte ai peshmerga curdi.» E se necessario vada in Libia a ristabilire il quieto vivere e aiuti a sconfiggere i fondamentalisti. E’ ora di aprire il problema della difesa Europea e dell’indipendenza dell’Europa dalla NATO.

  3. c’è poco da fare, vale sempre la stessa legge: chi ha i soldati sul territorio potrà rivendicare qualcosa altrimenti sarà escluso da tutto! non possiamo immaginare di prenderci meriti e benefici senza inviare soldati e mezzi, pura utopia; è bene prospettare subito l’eventualità che i nostri soldati dovranno andare in Libia!

Lascia un commento