martedì, 6 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La Turchia di Erdogan è sempre più regime
Pubblicato il 18-01-2016


Vorrei parlare della Turchia, quella di Erdogan che ogni giorno viola gravemente (e impunemente) i diritti umani. Lo spunto ci è venuto anche da una testimonianza di Rachid, un italo-marocchino che ha combattuto per tre mesi in Siria e in Iraq contro il famigerato Califfato. La testimonianza è stata trasmessa qualche giorno fa a “Radioanch’io”, un programma storico del Giornale radio, ora condotto da Giorgio Zanchini.

Rachid ha dichiarato, fra l’altro, di aver combattuto a Kobane contro “gli uomini neri” del califfo, insieme ai combattenti curdi. Ha elogiato, in particolare, le coraggiose donne curde che non si fermano davanti a nessun pericolo, mentre gli uomini scappano, loro vanno sempre avanti, anche davanti ai carri armati dell’Isis. Ha aggiunto poi che la Turchia sta conducendo una guerra, ma non contro il Daesh, ma solo nei confronti dei curdi. Erdogan non fa mistero delle sue reali intenzioni: fa affari (petroliferi) col Califfato e fa bombardare i curdi, organizzati in “zone libere” dell’Iraq e della Turchia (dove sono garantite le libertà religiose e la parità uomo-donna). Ci ricordano, con le dovute differenze storiche e ambientali, le piccole repubbliche partigiane della nostra lotta di liberazione dal nazifascismo. Anche su questo la testimonianza di Rachid,ora rientrato in Italia, è stata estremamente significativa.

Del resto quanto il regime di Recep Tayyp Erdogan sta cercando di attuare è noto.

Non solo non approva il comportamento dei combattenti curdi, gli unici che fronteggiano sul campo i tagliagole del Daesh, ma cerca di paralizzare il partito curdo (Hdp), terza forza politica del paese, presente in Parlamento con 59 deputati.

L’accusa è di “tradimento” solo perché questi parlamentari hanno osato definire una dittatura quella di Erdogan. Il presidente “moderato” ha promosso una iniziativa tesa a cancellare le immunità dei leader del partito curdo, in modo da farli processare senza scudi istituzionali.

C’è in Turchia una vera “guerra civile” tra il regime e gli intellettuali.

I leader del partito Hdp- Ezgi Basaran e Mehmet Karli hanno dichiarato di recente: “Non c’è libertà oggi nel nostro paese. Siamo vittime di un regime che non tollera alcun dissenso e utilizza qualsiasi pretesto, incluso l’allarme terrorismo, per far tacere ogni critica interna”.

Pochi giorni fa 1.128 accademici turchi hanno firmato un documento di denuncia, dal titolo eloquente :”Non saremo complici dei vostri crimini”. Un documento ,che mette sotto accusa i vertici dello Stato turco per la loro politica di repressione della libertà di stampa e di opinione (sono ormai centinaia i giornalisti perseguitati ,una quarantina in carcere) e dei dissidenti,ma anche dei turchi moderati. Mentre scriviamo la petizione ha superato le 2000 adesioni.

Ormai non si contano più le “squadre della morte”, chiamate “Esedullah”, che rapiscono, torturano, uccidono  impunemente studenti e intellettuali che criticano od operano contro il regime.

Intanto i curdi continuano a morire nei campi di battaglia: oltre 3500 guerriglieri del Pkk sono stati uccisi solo in estate, con centinaia di vittime fra la popolazione civile .

La  politica della Turchia di Erdogan (che aderisce alla Nato) continua ad essere ambigua. Non è un modo di dire questo per giustificare i contradditori comportamenti di questo Stato islamico, ma una precisa direttiva dell’attuale capo dello Stato, che non fa mistero di preferire un Califfato del Daesh ai propri confini piuttosto che uno Stato curdo autonomo. Di tutto questo non vi è traccia nella stampa italiana e, in generale, di quella europea. E c’è ancora qualcuno a Bruxelles (e non solo) che ripropone  in tempi brevi l’ingresso della Turchia nell’Unione europea.

Aldo Forbice

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Egregio Dottor Forbice, quanto Lei scrive è vero, la Turchia non è più quella di un tempo, ammesso che sia mai davvero stata quello che noi occidentali amiamo credere.
    Da sporadico visitatore, anche solo da un anno all’altro ho avvertito un cambiamento, ero a Istanbul durante il periodo delle passate elezioni di giugno e in giro si vedevano quasi solo poster del partito di governo, la chiamata alla preghiera è diventata minacciosa, da piacevoli e melodiose le voci dei muezzin si sono, e da tempo, fatte lugubri, e giungono da megafoni a tutto volume che sembrano gareggiare a chi urla di più. Potrei citare altri esempi, e riferire le opinioni di alcuni amici, ma sarebbe la voce di una elite intellettuale e quindi mi fermo qui. Eppure, la Turchia di quel quaranta per cento che vota Erdogan è sempre esistita, nelle provincie dell’Anatolia e nelle sacche conservatrici ( Mar Nero, Konya, etc.. ) e, repressa per decenni, sta venendo fuori con tutta la sua arrogante voglia di sultanato. Le forze di opposizione ebbero, dopo le elezioni di giugno, la grande occasione e la sciuparono, i nazionalisti non vollero allearsi con i curdi, e i repubblicani del partito di Atatürk da soli, o solo con i curdi, non hanno maggioranza. Esattamente lo scenario che auspicava Erdogan dopo il mancato ottenimento, da parte del suo partito, di una maggioranza in grado di governare e modificare la costituzione in senso teocratico: sedersi in disparte per additare al popolo l’inconcludente teatrino delle opposizioni, indire nuove elezioni alle quali presentarsi come l’uomo della nazione e l’unico in grado di proteggere il Paese dai suoi ( presunti ) nemici. E, ça va sans dire, vincerle, quelle seconde elezioni del 2015. Il tutto, e su questo molti “media” stranieri hanno colpevolmente taciuto, abusando, e minacciosamente, del proprio ruolo di presidente in teoria “super partes”.
    Insomma, la Turchia scivola dolcemente, e nella complice indifferenza ( o cecità vera e propria? ) della cosiddetta comunità internazionale, verso la dittatura. E i motivi sono i soliti, quelli che da sempre creano il dittatore “conservatore” : una minoranza rumorosa e forze di opposizione parolaie e divise. L’umanità non impara mai. Cordiali saluti, Mario Mosca.

Lascia un commento