sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Le Unioni che dividono anche il Pd
Pubblicato il 05-01-2016


In mezza Europa, dalla Spagna alla Francia, al Portogallo alla Gran Bretagna, perfino nella religiosissima Irlanda, sono state varate leggi che autorizzano i matrimoni omosessuali, con diritto di adozione. In Germania, il paese della democristiana Merkel, sono invece state lanciate le cosiddette Unioni civili, che rappresentano forme anomale di simil matrimoni, contratti che escludono le adozioni e danno solo la possibilità di adottare un figlio di uno dei due coniugi, qualora la madre abbia perso, per motivi diversi, il diritto alla maternità. È la cosiddetta stepchild adoption, che in Germania non ha destato scandalo alcuno.

In Italia, l’unico paese ancora privo di una legge sul fine vita, che pare scomparsa assieme a Eluana Englaro, e che adesso è materia di studio e di iniziativa della commissione interparlamentare grazie soprattutto all’impegno della nostra Pia Locatelli, si è scelta la soluzione più moderata: quella tedesca, appunto. Le unioni civili hanno anche assunto il nome invero burocratico di Formazioni sociali specifiche, quasi fossero un movimento di riparazione del suolo, forse per sgrossarle ulteriormente di quell’alone di rispetto per il diritto degli omosessuali che dovrebbe essere invece universalmente tutelato. Gli omosessuali diventano dunque oggetti di anomale, specifiche unioni. Peraltro sotto mentite spoglie. Eppure anche attorno alla più moderata delle concessioni si è sviluppata una polemica che non accenna a placarsi.

Il punto controverso, sul quale si è agitato lo spettro del cosiddetto “utero in affitto”, è quello della steplichd adoption. L’ala integralista del Nuovo centro-destra divenuto ormai Azione popolare con Casini, non riproponendo il vecchio comportamento della Dc che considerava queste questioni non soggette ad accordi di governo, lasciando libero il Parlamento e riservandosi successivi referendum, gridano col nostro molto ex Sacconi un altolà alla maggioranza, i settori più oscurantisti di Forza Italia, e addirittura qualche reduce ex democristiano del Pd hanno annunciato la loro opposizione.

Si oppongono cioè anche al modello più moderato di riconoscimento dei diritti delle coppie gay. È incredibile, ma è così. Si vuole negare non tanto alla coppia, ma a un bambino senza uno dei due genitori, di poterne acquisirne un altro e con esso i relativi successivi diritti. E questa sarebbe la difesa della famiglia. Si agita la questione dell’utero in affitto sapendo bene che si tratta di un’attività vietata per legge e che, se praticata all’estero, può esserlo tuttora anche da parte delle coppie eterosessuali sterili senza destare scandalo alcuno. E senza che il Parlamento approvi alcuna legge sulle coppie gay.

Quante volte i laici sono stati costretti ad ingaggiare battaglie per affermare i loro principi di tolleranza? Per combattere contro tutte le discriminazioni? Per ribadire i valori del rispetto di tutte le opinioni e le tendenze ideali, culturali, politiche, religiose, sessuali? Oggi purtroppo i partiti italiani si dividono sui principi fondamentali perché sono tutti post o anti identitari. Non sono costruiti, nemmeno il Pd, su una comune visione della vita, al contrario delle vecchie formazioni politiche. Nel Psi non esistevano dissensi sui temi del divorzio e dell’aborto. Nel Pd esistono anche sulla legge più moderata d’Europa attorno alle coppie di fatto, contrariamente a quanto avviene in tutti i partiti socialisti europei. In fondo è questa la differenza tra il Pd e noi. Noi siamo laici, il Pd un po’ meno. Speriamo che Renzi tenga duro e non dia retta a chi vorrebbe una legge ancora più sbiadita.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. I temi etici, intesi nella loro globalità, sono da sempre cosa importante, anche perché segnano spesso l’identità di un popolo, e di sovente ne ispirano pure le idealità e il comune sentire, col quale ultimo, quando è saldo e consolidato, anche la politica e i “poteri” sono chiamati a confrontarsi

    Un tempo, se ben ricordo, capitava non di rado che se ne facessero interpreti i cosiddetti corpi sociali intermedi, che davano così’ voce alla “coscienza” del Paese e funzionavano altresì da contrappeso verso i vari “poteri”.

    D’altronde, anche i partiti identitari di una volta si richiamavano a determinati, e rispettivi, valori, e anche principi, che sono di fatto contigui alla “eticità”, e che li rendevano differenti, peculiari e specifici, e dunque ben riconoscibili, e giustappunto identificabili, facendoli rimpiangere oggigiorno a tanti.

    Non deve pertanto stupire che di fronte ai mutamenti che riguardano la sfera etica e valoriale vi sia chi si mostra contrario o molto restio, oppure dubbioso ed esitante, per un insieme di ragioni che non possiamo minimizzare, tra cui il timore delle incognite che il nuovo può riservare, anche sul piano identitario. Né possiamo ignorare che finora il nostro sistema ha ruotato intorno alla famiglia tradizionale.

    E’ sicuramente vero che nei costumi e nei “sentimenti” delle società intervengono, con lo scorrere del tempo, cambiamenti anche significativi, che poi la politica potrà tradurre in norme e disposizioni, ma sono per solito maturazioni non semplici, e talora parecchio travagliate e “sofferte”, e su questo terreno hanno non infrequentemente a scontrarsi, anche duramente, posizioni diverse e pure distanti, le quali, ove non si trovi una qualche ricomposizione, possono lasciare profonde ferite nel corpo sociale, talvolta apparentemente sopite ma pronte semmai a riemergere quando meno ce lo aspettiamo

    Talché mi sembrerebbe quantomeno opportuno, allorché si legifera su queste delicate materie – appunto per introdurvi modificazioni – che le forze politiche che vi concorrono rappresentino larga parte della popolazione, il che oggi stenta a verificarsi causa il pronunciato fenomeno dell’astensionismo, riguardo al quale c’è chi pensa che chi non si reca alle urne ha sempre torto, ma è una lettura della questione piuttosto semplicistica.

    Paolo B. 07.01.2016

  2. Già, come si fa ad esprimere e marcare le differenze che ci sono tra i socialisti ed il PD e terminare sperando che Renzi tenga duro. Tenga duro su cosa? A Renzi interessa solo mantenere una maggioranza in parlamento. Se troverà dei numeri dai verdiniani a sostegno di una legge che abbia una parvenza (sicuramente molto velata) di sostegno ai diritti civili delle coppie di fatto, allora lascerà che NCD scalpiti contro, ma non sarà determinante. Così Renzi darà la parvenza alla sinistra PD e ai quattro socialisti di essersi battuto per una legge “giusta” . Ma se questo non avverrà cambierà direzione!

Lascia un commento