sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Pari opportunità, più vicini se si tratta di tecnologia
Pubblicato il 05-01-2016


Intercettazioni-pcSi è molto discusso di come dagli anni ’50 in poi l’utilizzo delle apparecchiature elettroniche e del computer fossero quasi appannaggio del genere maschile. Ciò nonostante come si è visto, l’ambito scientifico – tecnologico rimane forse uno dei settori più equilibrati in tal senso. Si è però avvertita un impulso di crescita che vedrebbe il genere femminile in testa.

Naturalmente in un’Italia sempre più tecnologica rimane chiaro che attualmente la spinta alla crescita è soprattutto “rosa”. Il tutto merito delle donne, in particolare delle giovani italiane. Difatti si sono praticamente annullate le differenze di genere nell’uso di internet e pc negli ultimi anni. Sempre le giovanissime sono le più dinamiche anche per la crescita del Sud sul fronte “tech”.

Le giovani donne di 15-34 anni sono un segmento particolarmente dinamico: la quota di italiane in questa fascia d’età che dichiara di usare pc e Internet aumenta in tutte le aree, ma i guadagni maggiori si sono registrati al Sud. Tra 2005 e 2014 nel Mezzogiorno l’uso del pc tra le donne di 15-34 anni cresce del 24,2% raggiungendo il 68,6% della popolazione (contro il 78,6% al Nord). Più marcata la crescita delle utilizzatrici di Internet: +45,1% al Sud (versus +36,5% al Nord), raggiungendo il 75,9% (contro l’86,8% del Nord).

L’Istituto di statistica evidenzia che fra il 2005 e il 2014 gli italiani che usano il pc sono aumentati del 15% superando la metà della popolazione con età superiore ai 6 anni. L’uso di Internet aumenta in misura maggiore (+28%) arrivando a sfiorare il 53% della popolazione. Per entrambi gli strumenti gli uomini sono in maggioranza, ma il “digital divide” con le utilizzatrici tende a scendere: si annulla nella fascia d’età 11-24 anni e si riduce in quella 25-44.

Resta il gap generazionale: i giovani di 15-19 sono i maggiori utilizzatori di pc (82,3%) e Internet (88,3%), mentre già a partire dai 20 anni i livelli di utilizzo diminuiscono. Sperando in una futura curva di inversione, l’aumento della presenza femminile davanti al pc non può dimostrare altro che il profondo equilibrio di genere della tecnologia.
Alessandro Munelli

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento