mercoledì, 7 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Sandro D’Agostino: 
Appello ai compagni deputati
Pubblicato il 19-01-2016


Cari compagni,
a breve le Commissioni Bilancio ed Affari Costituzionali della Camera dei Deputati saranno chiamate ad esaminare il Decreto Milleproroghe 2016. L’Anief, un sindacato della scuola molto attivo a tutela dei precari. ha presentato una serie di emendamenti atti a sanare una situazione al limite dell’assurdo. La legge 107/2015, infatti, meglio conosciuta come “La Buona Scuola” conteneva gli strumenti legislativi che hanno condotto alla stabilizzazione di alcune decine di migliaia di docenti precari, che avevano conseguito l’abilitazione prima della Riforma Gelmini (DM 249/10) e che erano già inseriti nelle Graduatorie ad Esaurimento (GAE), cosiddette perché rese tali dal Governo Prodi nel 2007. I docenti che si sono abilitati successivamente, sia attraverso i Tirocini Formativi Attivi sia attraverso i Percorsi Abilitanti Speciali (questi ultimi hanno visto la luce per volontà politica dell’Esecutivo Monti), sono stati esclusi dalle GAE e, pertanto, esclusi dal piano straordinario di assunzioni.

Questa circostanza configura una vera e propria ingiustizia, oltre che una contraddizione in termini. Nell’uno e nell’altro caso, infatti, si tratta di docenti abilitati all’insegnamento e non si intravede alcuna ragione plausibile del perché i secondi siano stati esclusi dal piano di stabilizzazione.

Pertanto, faccio appello ai compagni parlamentari affinché:
– recepiscano gli emendamenti finalizzati all’inserimento in GAE degli iscritti nella seconda fascia delle Graduatorie di Istituto;
– si attivino perché venga bandito un nuovo TFA al fine di dare una chance di abilitazione a tanti giovani laureati;
– prevedano norme idonee a tutela dei docenti della terza fascia delle Graduatorie di Istituto, che non possano essere considerati lavoratori “usa e getta” dallo Stato;
– si impegnino per l’attuazione di idonee misure per l’assunzione a tempo indeterminato degli abilitati che possano vantare più di 36 mesi di servizio, in ottemperanza alle prescrizioni dell’UE.

Fiducioso in un positivo riscontro, vi saluto fraternamente.

Sandro D’Agostino

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento