martedì, 6 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Un ministro e nove sottosegretari in più
Pubblicato il 29-01-2016


Non ci lamenteremo perché si sono scordati di noi. Eppure non pare casuale che molti dei nuovi uomini di governo, a cominciare dal ministro, per di più con delega alla famiglia, siano stati accordati, proprio alla vigilia del Family day e a tre giorni dall’inizio dell’iter parlamentare della legge sulle Unioni civil, proprio al Nuovo centrodestra. Bene, se si afferma la decisione di non fare compromessi sulla Cirinnà distinguendo governo e parlamento. Male, se si affermano come governative le concezioni della famiglia del partito di Alfano, che non sono le nostre e nemmeno quelle dei socialisti, e non solo, di tutto il mondo.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Perché non volete credere che vogliono far sparire l’IDEA stessa di Socialismo e dissolverlo nella palude cattofasciocomunista. Vi giustifate sul fatto che per tenere in piedi un partito occorrono euri, d’accordo cominciate ad aumentare la tessera e i doveri e diritti di un militante. E fate il congresso perché siamo a febbraio e ancora non se ne parla?!!!

Lascia un commento