sabato, 10 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Appello, De Luca assolto
finisce rischio sospensione
Pubblicato il 05-02-2016


De Luca con Renzi

“ Anni di pesante aggressione politica e mediatica per nulla. Anni di un calvario che avrebbe fatto scoppiare il cuore a chiunque. Ho retto per le profonde motivazioni ideali e morali, e per l’assoluta serenità della mia coscienza. Esprimo il mio rispetto per la magistratura, la cui autonomia è un bene per i cittadini onesti e non un privilegio di alcuni. Il controllo della legalità nei confronti di chiunque è doveroso in democrazia. Mi auguro che nel dibbattito pubblico si esaurisca la tendenza dilegante a calpestare con disinvoltura la dignità di persone e famiglie oltre le regole di uno Stato di diritto. Mi auguro che si affermi l’abitudine a confrontarsi civilmente, in un clima di rispetto reciproco. L’essere uomini è più importante delle bandiere di partito.”

Queste sono state le prime dichiarazioni apparse sulla pagina ufficiale facebook del Governatore campano Vincenzo De Luca, dopo la lettura della sentenza. È finito oggi l’incubo per il governatore della Campania Vincenzo De Luca assolto in Appello nel processo per la nomina di un project manager nell’ambito di un progetto per la costruzione di un termovalorizzatore a Salerno.  Per il giudice  “il fatto non sussiste“. In primo grado era stato condannato a un anno, con pena sospesa.

La condanna aveva determinato nei confronti di De Luca la sospensione dall’incarico di presidente della Giunta regionale per effetto della Legge Severino, provvedimento poi sospeso dal tribunale. In attesa che si esprimesse la Corte costituzionale.

Nei confronti di De Luca è così caduta la contestazione di abuso in atti d’ufficio. Dopo due ore di camera di consiglio è stata accolta la tesi difensiva espressa dagli avvocati Andrea Castaldo e Paolo Carbone, secondo i quali l’abuso d’ufficio in tre diverse contestazioni non aveva ragione d’essere perché manca la dimostrazione che la nomina fosse espressamente vietata dal procedimento amministrativo.

Francesco Brancaccio

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento