venerdì, 2 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Impegno del Psi: arriva il bonus baby sitter
Pubblicato il 02-02-2016


babysitterGrazie a un emendamento del Psi alla legge di stabilità, dal primo di febbraio le madri lavoratrici posso fare domanda sul portare dell’Inps per incassare il bonus (massimo 600 euro al mese) con il quale lo Stato contribuisce alle spese per asili nido e baby sitter per coloro che rinunciano al periodo di maternità facoltativo. In seguito alle novità introdotte dalla Stabilità che ha rinnovato la misura per il 2016, possono richiedere il bonus le dipendenti del settore pubblico o privato, ma anche le lavoratrici parasubordinate o libere professioniste iscritte alla gestione separata Inps.

“Per la prima volta – ha commentato Pia Locatelli, capogruppo del Psi alla Camera – grazie a un emendamento che abbiamo presentato alla legge stabilità e che è stato approvato, anche le lavoratrici autonome possono usufruire del voucher per le baby sitter. Abbiamo voluto mettere fine a una discriminazione tra le lavoratrici che vedeva penalizzate proprio quelle con le minori tutele, per le quali, spesso, il ricorso alla baby sitter è l’unica strada per poter continuare a lavorare”.

Le domande per ricevere il bonus possono essere presentate all’Inps entro fine anno e in relazione all’ esaurimento dei fondi stanziati dal governo che sono per quest’anno pari a 20 milioni di euro. L’unica possibilità per la richiesta è tramite il sito internet dell’Inpscon il relativo codice di identificazione personale o attraverso l’aiuto del supporto tecnico dei patronati presenti su tutto il territorio, ricordando che per la domanda è richiesta la presentazione dell’Isee.

Redazione Avanti!

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento