venerdì, 9 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Basilicata. Amministrative
partire dal programma
Pubblicato il 19-02-2016


“In molti comuni interessati al voto – afferma in una nota il Segretario organizzativo del PSI di Basilicata Antonio Giansanti – iniziano prese di posizioni di personaggi e di gruppi, molto meno dei partiti e dei rappresentanti istituzionali. Il nostro interlocutore politico è innanzitutto il PD ed auspichiamo la sua unità interna onde evitare sbandamenti rispetto alla linea e alle scelte che PD e Psi insieme fanno a livello Europeo, Nazionale e Regionale. Aspettiamo un segnale di rispetto politico non solo verso il Psi, ma verso tutti i suoi alleati.

La sfida per le prossime elezioni amministrative che i socialisti vogliono lanciare è quella di affrontare innanzitutto le questioni programmatiche, di far tornare la passione per la politica, la partecipazione e l’impegno per il bene comune. L’obiettivo è quello di sconfiggere la non partecipazione al voto alzando il livello e la qualità del confronto e del dibattito, non sono di buon esempio i personalismi, le diatribe e le sterili polemiche. I socialisti sono per la coerenza, per la chiarezza e soprattutto per far prevalere la politica, le idee, i programmi e il buon governo del Paese, delle Regioni, Province e Comuni.

Non c’è in noi ne iattanza ne presunzione di verità: ma certo dopo il tramonto del comunismo, non hanno nulla da dire i catastrofisti e i demiurghi che per decenni hanno pompato le contraddizioni sociali come premesse e veicoli di crisi, al di là delle quali avrebbero essi costruito società nuove e perfette, il riformismo è la risposta ai grandi problemi nazionali e il compito dei socialisti nei Comuni e nelle Regioni non è l’ordinaria amministrazione.

Il messaggio cruciale delle nostre idee, passa per i sentimenti di giustizia e di attenzione agli altri, per le nuove generazioni, per assicurare agli anziani non sopravvivenza ma una vita serena; passa per la difesa dalla degradazione del patrimonio collettivo, culturale e turistico di cui disponiamo.

Bisogna affrontare le grandi contraddizioni del nostro tempo per portare benefici alla nostra vita quotidiana e alla nostra salute, evitare distorsioni e dispersioni inique nella distribuzione di ricchezze e servizi a cui i deboli per primi hanno diritto, aprire i cancelli chiusi a coloro che, non assistiti da nessuno e non spalleggiati da consorterie, aspirano al giusto riconoscimento del proprio lavoro, della propria preparazione e della propria professionalità”.

 

 

 

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento