sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Documento per il Congresso PSI 2016 firmato dal Collegio Estero
Pubblicato il 18-02-2016


Stati Uniti d’Europa e Mitbestimmung

Documento per il Congresso PSI 2016 firmato dal Collegio Estero

Il Collegio Europeo si compone di varie Federazioni ricostituite sulla base delle gloriose federazioni del partito socialista italiano. Il PSI é presente con sui compagni in Francia Belgio Lussemburgo Svizzera e Germania, ha eletto membri dei Comites a Liegi Berna Basilea Neuchatel e Nizza ed ha eletto un membro del CGIE in Francia. Nel 2013 il PSI ha partecipato alle elezioni nella coalizione Italia Bene Comune con un candidato – Domenico Mesiano – presentato nelle liste per la Camera dei Deputati ottenendo quasi 4000 voti.

Il Collegio Europeo é cosciente del suo ruolo di supporto in termini di idee  ed energie provenienti da esperienze nuove ed europee e focalizza la sua attenzione sui seguenti temi prettamente legati all’azione degli italiani all’estero:

  • Stati Uniti d’Europa
  • Classe dirigente europea
  • Lingua Europea comune
  • Sistema scolastico europeo comune
  • Quote Erasmus per il rientro degli italiani all’estero, ricercatori e non.
  • Erasmus della politica per formare coscienza e classe dirigente europea
  • Mitbestimmung, cogestione delle imprese
  • Patronati e consolati e scuole lingua italiana all’estero da sostenere

Quote Erasmus ed Erasmus della politica

Fino ad oggi solo un leader socialista ha saputo trovare le parole giuste, un leader tedesco, Martin Schultz, la cui sensibilità teutonica lo ha portato a chiedere – con un misto fra il pragmatico ed il romantico – ai delegati presenti al Congresso PSE a Roma se non « sentissero il dolore di quei giovani che inviano ripetutamente i propri Curricula per cercare lavoro e che non ottengono risposta ».

In Italia forse nessuno si è accorto di quel dolore, anche perché i Curricula difficilmente vengono mandati per posta elettronica o cartacea, consci di essere prontamente cestinati. Nessuno si é accorto di quelle migliaia di e-mail inviate ogni settimana da migliaia di ex studenti che non possono soddisfare il proprio bisogno di indipendenza economica e soddisfazione professionale perché il lavoro in Italia non c’é e nessuno sembra aver veramente a cuore questo problema. E quando il lavoro c’é non é remunerato abbastanza per pagare gli affitti che sono pari a Londra nelle città dove oggi ci si sposta per lavorare. Paghe basse, tasse alte ed affitti alti.

Un film spagnolo anni fa puntava il dito contro la piaga della disoccupazione, non l’ho visto, ma il titolo mi è rimasto impresso : i lunedì al sole. Ebbene chi non lavora ha molto tempo per godersi il sole, il sole in Italia c’è, ed è gratis.

Anche per questo proponiamo l’introduzione di quote Erasmus che garantiscano il rientro o l’occupazione di chi ha svolto un periodo di studio o lavoro all’estero e che ha acquisito competenze personali e professionali tali da rendere lo studente o la studentessa in grado di gestire se stesso/a e di gestire anche altri qualora confrontato con ruoli manageriali. L’Erasmus è una scuola di vita ed è un patrimonio di conoscenze emotive culturali linguistiche che possono essere utili all’Italia paese spesso ancora chiuso e conservatore e non al passo con le società più avanzate del mondo.

Le quote si rendono necessarie perché vale la regola per cui « lontano dagli occhi lontano dal cuore » e pertanto nessuno si cura di chi è all’estero e si ritiene sistemato, ovvero non più un problema per l’Italia. Al contrario gli Erasmus ed i lavoratori all’estero in generale, una volta rientrati in Italia sono abbandonati al « mercato » dove devono dimostrare non so cosa, invece di essere semplicemente utilizzati per cio’ che meglio sanno fare : dialogare con l’Europa, svolgere lavori in vari settori regolati dalla Unione Europea, parlare lingue straniere etc etc.

Le quote come la tracciabilità del percorso dello studente o lavoratore sono essenziali per poter dare un valore complessivo allo studio dell’Erasmus valorizzando il risultato ottenuto ed impiegandolo a vantaggio del sistema paese.
L’Erasmus non é una passeggiata in spiaggia od al party, é una scuola di vita impareggiabile, cosi’ come ogni esperienza all’estero, sia essa di studio o di lavoro.

Mozart diceva che viaggiare non necessariamente é utile, ma sicuramente chi ha passione e intelletto per profittarne ne risulterà arricchito.
L’Italia deve sfruttare queste risorse.

Patronati, Consolati, Istituzioni
Le nostre Istituzioni nazionali manifestano un crescente disinteresse per  gli  emigrati, ” Italiani all’Estero ” .
Ne é un’evidenza il sistematico ritardo, e le metodiche sempre più pesanti riduzioni, con cui vengono assegnati i finanziamenti per le nostre Comunità.
A fronte di un’oggettiva ed evidente ripresa dell’emigrazione, vengono viceversa chiusi in successione sempre più Consolati e Comites, mentre i Patronati stanno subendo un pesante attacco denigratorio e finanziariamente distruttivo.
Eppure, gli Italiane all’estero, meriterebbero ben altra considerazione dalle nostre Istituzioni. Primariamente ed in buona sostanza, occorre ricordare che, emigrando, non si è più un problema occupazionale nazionale ne tantomeno locale.

Gli emigrati, con le loro rimesse hanno, viceversa, rappresentato e rappresentano ancora,una voce importante per lo stesso il Bilancio Nazionale.

Essi non hanno mai chiesto,ne tantomeno chiedono nulla al loro Paese ma hanno sempre dato e danno ancora tanto sia in termini economici che, in termini di immagine dell’Italia all’estero. Per secoli sono stati poi, i migliori ambasciatori del prodotto italiano nel mondo, peraltro a totale costo zero per il contribuente italiano.

Ed allora diviene quantomai necessario intervenire in proposito e farsi conoscere meglio sia dall’opinione pubblica italiana che da quanti in ambito Istituzionale hanno una visione distorta o, più verosimilmente, una totale sconoscenza di noi italiani all’estero, predisponendo questo documento congressuale che dimostri con dati di fatto, che gli Italiani all’estero sono stati e sono ancora una importante risorsa per il nostro Paese e non già una zavorra da abbandonare a se stessa.

Gli italiani all’estero sono una risorsa e spesso sono quelli che di più acquistano i beni made in Italy contribuendo alle esportazioni del Paese.

Le scuole italiane all’estero non tengono il confronto con quelle di altri paesi.

Le istituzioni, il collegio elettorale estero, sta mostrando i suoi limiti. Manca di fantasia diciamo ed é legato a rituali di un mondo dell’emigrazione che sembra non essere in linea con quanto avviene oggi.

Gli italiani all’estero sono 5 milioni. 2 milioni e mezzo in Europa solamente. I piu’ in Germania e Svizzera poi Belgio e Francia e Gran Bretagna dove Londra da sola ne conta 250 mila.

Lo stato italiano sta perdendo risorse fondamentali giovani e formate e non sembra preoccuparsene. La classe dirigente italiana spicca per provincialismo ed il loro sguardo si ferma al confine.

Noi vogliamo dare coscienza agli italiani europei e riformisti, un modo per creare l’Europa e gli europei.

Stati Uniti d’Europa

Dopo la fine della Guerra Fredda il mondo si presenta non piu‘ bipolare ma multipolare. USA Russia Cina India sono i players mondiali.

L’ONU appare bloccata su un assetto nato alla fine della seconda guerra mondiale non piu’ attuale e difetta di efficienza (diritto di veto, difficile da modificare).

NATO appare come la soluzione più efficace in Europa, ma è unilaterale e non si adatta ad un mondo oramai non più bipolare bensì multipolare.

Al momento una balance of power sembra essere l’unica soluzione possibile, dove i vari players mondiali si accordano per risolvere questioni regionali, sotto il controllo – più o meno interventista – degli Stati Uniti, unica grande potenza rimasta, a volte insospettita dal potenziale asse Berlino Mosca Pechino.

I conflitti regionali causano, tra le altre tragedie, una inaspettata e forte migrazione di massa che riguarda in primis l’Europa.

Problemi principali

Mancanza dell’Europa fra i players mondiali.

Allocazione delle quote migranti nei paesi membri dell’Unione Europea.

La soluzione é creare gli Stati Uniti d’Europa (USE) – federali – capaci di esprimere una politica estera comune, una politica di difesa comune, di giocare un ruolo nel balance of power mondiale e capace di allocare le quote dei migranti nei paesi degli Stati Uniti d’Europa.

Come  creare gli Stati Uniti d’Europa ?

Superare il Trattato di Lisbona, rilanciare la Costituzione Europea, riprendere I lavori ed arrivare alla Costituente Europa nel 2017.

Creare gli Stati Uniti d’Europa dall’alto ma parallelamente lanciando il grande progetto mediatico di costituzione di una cultura europea unita.

Dare competenze esclusive all’Europa in materie di politica estera e difesa fisco e interni, spostando tutto nel primo pilastro.

Chi vuol essere in Europa deve rispettarne le regole federali. Meglio pochi ma convinti che allargare a Paesi che rallentano il processo di integrazione. Non è questione economica ma di accettare o meno il modello federale e le regole del decision taking.

L’Europa non è solo finanza ma è anche e soprattutto democrazia sociale democrazia economia  democrazia industriale  e diritti umani.

Chi deve rilanciare la Costituente Europea?

Il PSE manca di iniziativa da tempo ed è schiacciato sui temi economici dai conservatori. Il PSE non riesce a dare ai cittadini un « sogno », un progetto vero e perseguibile e di grande portata. Il PSE puo’ coagulare intorno a se le forze europeiste rilanciando la Costituente Europea in un Congresso straordinario da tenersi quanto prima.

Roma 2016 Congresso straordinario PSE

Il PSE deve essere credibile. I paesi del mediterraneo devono tagliare la spesa corrente e ridurre il debito pubblico per essere credibili in Europa.

Come vincere gli euroscettici, i nazionalisti e le forze populistiche anti – Europa?

Grande sforzo mediatico e di investimento culturale.

L’Europa non è divisa in Nazioni ma è divisa in culture, lingue, tradizioni, storie, geografie umane e sociali.

Urge un enorme sforzo mediatico per convincere gli europei dei vantaggi dell’Europa, della crescita, della sicurezza, dei vantaggi dell’insieme rispetto alla particella.

Quali progetti possono aiutare a creare gli Europei degli Stati Uniti d’Europa, capaci di accettare decisioni a maggioranza prese dal Parlamento Europeo  e dal Governo Europeo ?

Lanciare il progetto Erasmus della Politica, con scambi di giovani studenti lavoratori a lavorare in parlamenti di altre nazioni, nei governi, nelle corti costituzionali etc.

Prevedere quote erasmus al rientro, quindi tracciare chi ha studiato e lavorato in altri paesi europei, creare data base e prevedere quote nelle Pubbliche Amministrazioni e enti affini per iniettare quote di europeismo umano nella società dei paesi nazionali.

Creare degli scambi continui e duraturi (5 anni) fra i funzionari delle pubbliche amministrazioni, controlli, corte di conti, inviati a lavorare in altri paesi, ovviamente remunerati a dovere.

Prevedere forme di controllo di spesa, appalti, amministrazioni affidate a funzionari inviati dalla Comunità Europea e di nazionalità diversa da quella del controllato.

Coordinare i sistemi educativi e scolastici in generale.

Prevedere l’inserimento di due lingue uniche nelle scuole, modello Lussemburgo.

Chiuso il processo di creazione della CULTURA EUROPEA si finalizzerà anche il progetto della Costituzione Europea e degli Stati Uniti d’Europa.

L’Europa, forte sulle sue gambe federali, saprà trovare la sua identità solidale sociale diplomatica e di difesa dei propri confini. Saprà tutelare i confini polacchi dalle paure storiche, saprà accettare i migranti in fuga dalle guerre, intervenire col suo peso diplomatico per evitare guerre o potrà intervenire in missioni di peackeeping o state building con il proprio esercito, sotto l’egida dell’ONU quando, nel cui Consiglio di Sicurezza siederà ovviamente.

L’Europa potrà intervenire con moral suasion ma anche con mezzi diplomatici e perfino militari in operazioni di tutela prendendo il posto della NATO.

L’Europa unita con una propria politica estera potrà evitare il pericoloso spostamento dell’asse diplomatico verso l’est, verso la Russia in un continente sempre piu’ Euroasiatico ed a trazione tedesca.

L’Europa si pone come terza forza fra USA e Asia.

Una diplomazia europea che guarda ai diritti umani, al sud del mondo, all’Africa al Medio Oriente. Propone una soluzione al conflitto Israelo Palestinese, difende Siria Iraq Libia dall’avanzata dello Stato Islamico, promuove la libertà dalle dittature. Un’Europa che si pone come argine anche al rinnovato imperialismo russo come nel caso inaccettabile della annessione della Crimea.

Mitbestimmung

Dal caso greco si è sviluppato un interessante dibattito sul ruolo della socialdemocrazia. L’accusa alla socialdemocrazia è di essere irrilevante, schiacciata su posizioni filogermaniche e conservatrici per la SPD e, in generale, che la socialdemocrazia ha terminato il suo ruolo storico, incalzata a destra dai rigoristi conservatori ed a sinistra dai movimenti contestatori radicali che si oppongono con più determinazione al pensiero unico raccogliendo – forse – più consenso.

Le soluzioni prospettate per risolvere la crisi della socialdemocrazia vanno dalla meritocrazia (modello Schroeder) al rilancio del ruolo regolatore ed interventista dello stato sul mercato, al ritorno al primato della politica, al rafforzamento dei legami del socialismo internazionale fino alla nuova Bad Godesberg del socialismo europeo e la lega dei socialismi mediterranei.

A nostro avviso la socialdemocrazia – quale sinistra pragmatica razionale e gradualista – non ha esaurito affatto la sua spinta egalitaria verso la giustizia sociale e la libertà, come insegnava già Pertini.

Il modello socialdemocratico fondato sulla razionalità, sul pragmatismo, sul compromesso fra mercato e stato sociale, fra proprietà e lavoro, fra classi sociali, fra pubblico e privato e soprattutto sulla Mitbestimmung è ancora valido ed attuale e lo vediamo in Germania, che non ci pare soffra particolari problemi sociali.

Quindi la socialdemocrazia funziona.

Quello che a nostro avviso manca alla socialdemocrazia europea è un tema forte per riprendere la leadership del dibattito, invece di inseguire i conservatori da un lato o i vari movimenti sorti sulle ceneri del comunismo dall’altro.

Noi del Collegio europeo proponiamo da tempo un’idea concreta per ridare fiducia alla socialdemocrazia europea: la Democrazia industriale in tutta Europa, che aumenta la responsabilizzazione dei lavoratori e del popolo in generale rendendolo partecipe del progetto comune, sia esso l’impresa o lo Stato.

La crisi economica ha dimostrato che i poteri nazionali e statali sono deboli verso i poteri privati e sovranazionali.

Allora come ricondurre il mercato ad un controllo che impedisca crisi ed ingiustizie sociali? Statalizzare o nazionalizzare tutto non ci sembra praticabile.

Ed allora si deve agire su base negoziale, fra le parti, fra lavoratori e proprietà, si fanno iniezioni di democrazia industriale, costringendo i proprietari a venire a patti con i lavoratori dipendenti, che sono poi i cittadini per lo più.

La chiave è negoziale, lo scopo è la democrazia industriale, il fine ultimo è la mitigazione degli effetti collaterali del capitalismo finanziario internazionale. Non è il tutto, ma è un buon inizio. Altri stakeholderrs potranno sedere in Consiglio di Sorveglianza, come rappresentanti dei consumatori, o del mondo ambientalista o delle istituzioni. Un compromesso per il bene di tutti. Stile socialdemocratico.

Il coordinamento per il Collegio Europeo

Leonardo Scimmi – PSI Svizzera
Carlo Sconosciuto – PSI Lussemburgo
Marco Giani – PSI Lussemburgo
Mariano Franzin – PSI Svizzera
Antonio Duranti – PSI Belgio
Enrico Musella  – PSI Francia

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento