giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Pietro Nenni ricordato a Firenze e Faenza – appuntamenti
Pubblicato il 04-02-2016


Firenze – Parterre sala dei Marmi – Venerdì 5 febbraio 2016 ore 17

PietroNenni Firenze La nascita della Repubblica Nenni e la fondazione della Repubblica Italiana – Partecipano Agostina Mancini, segretario PSI Firenze, Zeffiro Ciuffoletti, storico, Riccardo Nencini, segretario nazionale PSI.


Faenza – sabato, 6 febbraio, ricorda uno dei suoi più illustri concittadini, Pietro Nenni nel 125° anniversario della nascita del leader storico del Partito Socialista Italiano e Padre fondatore della Repubblica.
A cura della Fondazione Nenni e Buozzi, in collaborazione con il Comune di Faenza, l’Associazione culturale Laboratorio Democratico ed il Gruppo dei Socialisti & Democratici al Parlamento europeo, sono previste una serie di iniziative. In programma sabato alle ore 12 una cerimonia in cui verrà deposta una targa sulla casa natale di Nenni in via Sant’Agostino 18. Nel pomeriggio, a partire dalle 14.30, nella sala del Consiglio comunale ” E. De Giovanni”, (piazza del Popolo 31), sarà “L’attualità del pensiero europeista di Pietro Nenni” il filo conduttore di un convegno a cui prenderanno parte Salvo Andò, Presidente Nazionale Labdem; Giorgio Benvenuto, Presidente della Fondazione Nenni e Buozzi; Flavio Chiapponi; Ricercatore in scienze Politiche Università di Padova;Stefano Collina, Senatore del PD; Massimo Isola, Vice Sindaco Faenza; Armando Menichelli, Segretario Provinciale PSI; Riccardo Nencini, Segretario Nazionale PSI; Giuliano Zignani, Segretario Generale Uil Emilia Romagna e Bologna. Modererà Antonio Tedesco, Segretario della Fondazione Nenni, mentre le conclusioni saranno affidate al Presidente del Gruppo S&D al Parlamento Europeo, Gianni Pittella.

convegno Nenni locandinaPietro Nenni nacque a Faenza il 9 febbraio 1891. Brillante giornalista, durante il ventennio fascista fu uno dei massimi dirigenti del socialismo e dell’antifascismo italiano e internazionale. Durante la Liberazione, assunse cariche di governo guidando in prima persona la battaglia a favore della Repubblica. Fu Vicepresidente del Consiglio e ministro per la Costituente (1945-46), alto commissario per le sanzioni contro il fascismo (1945), ministro degli Esteri (1946-47), deputato alla Costituente e alla Camera sin dalla prima legislatura repubblicana. Con il passaggio a una formula di governo di centrosinistra, Nenni portò il partito socialista al governo, assumendo la carica di vicepresidente del Consiglio nei governi Moro (1963-68) e ministro degli Esteri negli esecutivi Rumor (1968-69). Determinante è stata la sua azione nella unificazione dei due partiti socialisti, PSI e PSDI nel 1966, mentre non poté evitare la nuova scissione tre anni più tardi, restando nel PSI, di cui fu presidente sino alla morte avvenuta il 1° gennaio 1980. Nel 1970 fu nominato senatore a vita.
Armando Menichelli, Segretario provinciale del PSI esprime “grande soddisfazione per essere giunti a questa giornata. Ringrazio tutti coloro che l’hanno resa possibile. Nenni è stato un socialista che ha vissuto la guerra e il confino, protagonista di tante battaglie, sia in Italia che in Spagna, sempre dalla parte dei deboli. Per gran parte del ‘900 rappresentò la storia e gli ideali del socialismo italiano e internazionale. Mi piace ricordare la sua ormai storica frase: ”Rinnovare o Perire” in cui ribadisce il concetto che solo con il rinnovamento si potrà essere contemporanei del proprio tempo, vivendo per gli altri e lavorando per i più deboli”.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento