domenica, 11 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Gravi fallimenti
Pubblicato il 18-02-2016


“La domanda che tutti gli italiani si pongono è che razza di animale sia il cattodem” (Jena)

Il M5Stelle è un partito che fino ad oggi non ci ha dato nulla. Si pensi alla storia delle unioni civili: vogliamo i matrimoni votiamo la Cirinnà se rimane tale e quale lasciamo la libertà di coscienza alla fine la voteremo tutti vogliamo gli emendamenti di chi vuole affossare la legge. Banderuole coerenti, perché nascono antisistema e preferiscono compromettere leggi importanti piuttosto che mediare.

Intanto vanno dal notaio a giurare fedeltà ai capi e depositare la cauzione. Che, beninteso, sarà devoluta in beneficenza così come parte dei loro stipendi che servono a costruire stradine e ponticelli. Cioè, non si lavora in Parlamento per ridurre le prebende esagerate, ma si concede una generosa elemosina al popolo.

Quanto al Pd è stupido, perché non ha ancora capito che il M5S vive per mettere in crisi il sistema politico fondato sui partito. E stupidi soprattutto perché sono divisi quindi inconcludenti.

Sarebbe l’ora che la partitocrazia, vecchie e nuove sigle, capisse la differenza tra politiche e politica.

Tiziana Ficacci

LIBERELAICHE

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Se quanto è accaduto a proposito della legge in discussione può sorprendere e sembrare irrituale, è pur vero che i partiti che “nascono antisistema” impiegano giocoforza le loro strategie, e anche tattiche, per perseguire l’obiettivo.

    Ma alla stessa stregua, sull’altro versante – ossia quello dei partiti che non sono antisistema, secondo le usuali definizioni – andrebbero considerate irrituali le maggioranze variabili, le quali, all’occorrenza includono se del caso anche i primi, dopo averli semmai duramente criticati..

    Tutto ciò ha il sapore dell’incoerenza, e assomiglia un po’ all’usanza di apprezzare i pronunciamenti della Chiesa quando tornano utili alla nostra causa, salvo ritenerli una impropria ingerenza quando vanno invece nel senso che non ci piace.

    Paolo B. 20.02.2016.

Lascia un commento