venerdì, 9 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

La resa dei conti?
Pubblicato il 19-02-2016


Riassumo, e non è facile. D’altra parte, quando in Italia si discute di diritti civili, da sempre succede di tutto. Allora: Grillo si nasconde dietro le procedure parlamentari per non dire no alle adozioni; NCD viaggia spedita contro la legge; Forza Italia la segue ma senza esagerare: meglio non rischiare crisi di governo e quindi elezioni anticipate; il PD è dilaniato ben oltre ciò che appare, ed è già molto. Vale ricordare ai senatori democratici che nell’accordo ‘Italia Bene Comune’ prevedevamo sia le unioni civili che le adozioni. Ne parlammo sia con Vendola che con Bersani. Ricordo benissimo.
Più passano i giorni e più mi convinco che il nodo ‘adozioni’ potrebbe essere considerato, dentro il Pd e nei vertici grillini, il classico accidente. Ne colgo tutti i segni. Stupisce, infatti, che di fronte a un tema che ormai è stato interamente rivestito di politica, il gruppo democratico al Senato non ne colga gli effetti devastanti e continui a trastullarsi in accorgimenti tecnico-giuridici: canguro, mini canguro, spezzettamento del canguro. Ma il punto, ripeto, è politico e come tale richiede una risposta politica. Solo politica. Compattare il gruppo, votare il disegno di legge così com’è, rafforzare la parte relativa al no all’utero in affitto. Se questa strada non fosse percorribile – la strada tracciata dal Presidente del Consiglio e che i socialisti hanno indicato da una settimana – sarebbe lecito chiedersi il perché e scegliere il sospetto come chiave principale per la risposta.
Riccardo Nencini

Riccardo Nencini

Riccardo Nencini

Segretario Psi - viceministro dei Trasporti

More Posts - Website

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Commenti all'articolo
  1. Tra le ragioni addotte dai sostenitori di questa norma c’è anche quella, se non erro, di dover recuperare il ritardo accumulato rispetto ad altri Paesi dell’eurozona che hanno già legiferato in materia.

    Pur se il condizionale è d’obbligo, ogni qualvolta si riportano delle sensazioni, mi sembra esservi una parte del nostro Paese, della quale non riesco ovviamente ad immaginare la dimensione, che non è molto preoccupata di rincorrere o emulare gli altri, perché è molto legata alla nostra identità – anche per controbilanciare in qualche modo la globalizzazione – e vede di riflesso nei nostri valori e costumi tradizionali un elemento che aiuta a conservarla.

    Paolo B. 19.02.2016

  2. Concordo pienamente, questo caro Riccardo dimostra solo una cosa, ove ce ne fosse ancora bisogno che, i Socialisti con gli eredi del PCI e della DC presenti nel PD, non hanno nulla a che spartire. Buon lavoro.

Lascia un commento