domenica, 11 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Libia, 41 morti in raid Usa contro base dell’Isis
Pubblicato il 19-02-2016


 

Cartina Libia

Gli Usa tornano in Libia dopo l’attacco di novembre del 2015. Durante un raid è morto Noureddine Chouchane la presunta mente delle stragi dello scorso anno in Tunisia, al museo Bardo e sulla spiaggia di Sousse. L’aviazione ha centrato un campo di addestramento dell’Isis a Sabrata, nell’ovest del Paese. Il bilancio è di almeno 41 morti e 6 feriti afferma una nota del consiglio municipale della città, citando fonti mediche.

Secondo la fonte citata dal Nyt, il tunisino Chouchane è considerato uno dei più influenti responsabili dell’Isis, ed è stato collegato alla strage del Bardo di marzo 2015, in cui morirono 24 persone tra le quali 4 italiani, e quella sulla spiaggia di Sousse, a giugno, che fece 38 vittime. Jamal Naji Zubia, responsabile per i media stranieri di Tripoli, ha precisato che il raid americano ha centrato una casa colonica a diversi chilometri da Sabrata. I jihadisti uccisi nel raid sono soprattutto di nazionalità tunisina, nonostante l’attacco però ilNYTimes ha sottolineato che questi attacchi non rappresentano l’inizio di una grande campagna militare americana in Libia.

Il 13 novembre 2015 l’aviazione statunitense aveva colpito per la prima volta obiettivi dell’Isis in Libia, uccidendo uno dei comandanti dello Stato islamico, Abu al-Nabil, conosciuto anche come Wissam Najm Abd Zayd al Zubaydi, un iracheno che aveva già militato in Al Qaeda, responsabile dell’uccisione di 21 cristiani copti egiziani vicino a Sirte.

Il governatore di Sabratha, Hussain al-Dawadi, ha comunicato che il bilancio delle vittime è di 41 persone e sei feriti. Il governatore inoltre ha detto che gli attacchi aerei si sono verificati intorno 03:30

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento