sabato, 1 ottobre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Migranti. La Nato pronta a intervenire nell’Egeo
Pubblicato il 11-02-2016


File picture of Norwegian PM Stoltenberg in OsloL’emergenza migranti assume i toni di una missione internazionale pari a quella si una guerra. Oggi infatti il segretario generale dell’alleanza atlantica Jens Stoltenberg ha confermato che la Nato invierà delle navi nell’Egeo con lo scopo di identificare le imbarcazioni dei trafficanti di esseri umani che trasportano i profughi dalla Turchia alle isole greche.

L’alleanza atlantica è pronta a a pattugliare il Mare Egeo per aiutare Ankara a gestire l’enorme flusso di rifugiati che si imbarcano sulle coste turche al fine di raggiungere la Grecia e poi, da lì, l’Europa, destinazione finale: Germania.
Il segretario Nato ha tenuto a precisare: “L’obiettivo è aiutare Grecia, Turchia ed Unione Europea a fare fronte al flusso di profughi e migranti e a una situazione molto pesante. Non si tratta di respingere o rimandare indietro i migranti”. Tuttavia non è ancora chiaro come si riuscirà a combattere gli scafisti senza rimandare indietro i profughi in fuga dalla guerra, anche perché secondo l’accordo i migranti salvati saranno riportati sulle coste della Turchia.

Oggi il Presidente turco ha alzato i toni e respinto al richiesta avanzata dall’Onu sull’apertura delle frontiere del Paese con la Siria per lasciar passare i profughi: “Non portiamo scritto ‘idioti’ sulla fronte. Non pensiate che gli aerei e i bus siano là per niente. Faremo quel che è necessario”, ha detto Erdogan parlando a un business forum ad Ankara. Il Presidente ha poi continuato minacciando di lasciar passare i profughi verso la Grecia: “È una vergogna, è una vergogna. Quanti rifugiati hanno accettato gli altri Paesi? Alcuni 100, altri 300 o 500. Non abbiamo scritto la parola “idioti” sulla fronte”.

La decisione della Nato risponde sia all’invito dei ministri della difesa di Turchia, Germania e Grecia, riuniti a Bruxelles, ma soprattutto all’appello arrivato oggi dal segretario alla Difesa Usa, Ashton Carter, che ha annunciato che la ministeriale dell’Alleanza ha “raccomandato” il varo di una missione ad hoc. Ma Carter ha anche invitato l’Europa a finanziare la Nato, così come fanno da sempre gli States: “Gli Stati Uniti hanno quadruplicato gli investimenti portando a 3,4 miliardi il finanziamento, aumentando il focus sulla deterrenza contro l’aggressione russa”, ha detto Carter, sostenendo che ora gli Usa “si aspettano che gli alleati europei facciano lo stesso”.

Liberato Ricciardi

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi disoccupazione elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento