sabato, 3 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Milleproroghe. Pastorelli: irresponsabile no a fiducia
Pubblicato il 10-02-2016


Roma, 10 febbraio 2016 – “Molte delle proroghe contenute nel decreto sono finalizzate al contenimento della spesa pubblica, alla sua razionalizzazione, oppure a sbloccare risorse pubbliche strategiche per il corretto funzionamento della macchina statale. E’ chiaro, dunque, che un voto contrario su questo testo significherebbe non solo far mancare il proprio sostegno al Governo, ma anche a tutti i cittadini e amministratori che contano sulle misure contenute in questo provvedimento”. Lo afferma Oreste Pastorelli, deputato del Psi, nel corso delle dichiarazioni di voto in aula alla Camera sulla questione di fiducia posta dal Governo in merito al decreto milleproroghe. “Il dl infatti – continua il parlamentare socialista – tocca settori decisivi per il sistema Paese come scuola, lavoro, sanità, energia e ambiente. Non votare a favore di questo testo sarebbe, quindi, un gesto irresponsabile, in grado di mettere in forti difficoltà sia le amministrazioni statali che quelle locali”.
“Le misure messe in campo nel Milleproroghe risultano fondamentali per concedere ad alcune amministrazioni ulteriore tempo per intervenire in modo compiuto su determinati settori”. “Quanto prescritto – prosegue il parlamentare socialista – in materia di Pubblica Amministrazione, di energia, di ambiente, di sanità e di bilancio degli enti locali appare quanto mai condivisibile e opportuno. Così come condivisibili sono le disposizioni per i lavoratori a tempo determinato delle province. Mi preme, però, sottolineare quanto fondamentale sia la proroga di due anni dello stato di emergenza per Emilia Romagna, Lombardia e Veneto: regioni colpite da eventi sismici nel 2012. Riguardo alla Campania, poi, vengono messe in campo misure di estrema rilevanza in campo ambientale: mi riferisco alle disposizioni che prorogano gli interventi di messa in sicurezza e bonifica delle aree inquinate della Terra dei Fuochi. Tutto ciò, però, non basta. Tengo a rilevare come la proroga di un anno concessa ai grandi impianti di combustione di adeguarsi ai nuovi limiti di emissione sia da ridurre come previsto dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea”.
Con il voto di oggi sul decreto ‘Milleproroghe’ approvato alla Camera con  362 sì, 187 no e un astenuto il governo Renzi incassa la fiducia n.48.

Le prime due fiducie, quelle programmatiche, il Governo Renzi le aveva ottenute il 25 febbraio dello scorso anno. Ecco il quadro completo dei voti di fiducia:

Senato  25/02/2014 Governo          169 sì, 139 no,  0 astenuti.
Camera  25/02/2014 Governo          378 sì, 220 no,  1 astenuto.
Camera  13/03/2014 Dl Missioni      325 sì, 177 no,  2 astenuti.
Senato  26/03/2014 Ddl Delrio       160 sì, 133 no,  0 astenuti.
Camera  10/04/2014 Dl Salva Roma    325 sì, 176 no,  0 astenuti.
Camera  23/04/2014 Dl Lavoro        344 sì, 184 no,  0 astenuti.
Camera  29/04/2014 Dl Droga         335 sì, 186 no,  0 astenuti.
Senato  07/05/2014 Dl Lavoro        158 sì, 122 no,  0 astenuti.
Camera  13/05/2014 Dl Lavoro        333 sì, 159 no,  0 astenuti.
Senato  14/05/2014 Dl Droga         155 sì, 105 no,  0 astenuti.
Camera  19/05/2014 Dl Casa          324 sì, 110 no,  0 astenuti.
Senato  05/06/2014 Dl Irpef         159 sì, 112 no,  0 astenuti.
Camera  17/06/2014 Dl Irpef         342 sì, 201 no,  0 astenuti.
Senato  25/07/2014 Dl Competitività 159 sì,   1 no,  0 astenuti.
Senato  28/07/2014 Dl Cultura       159 sì,  90 no,  0 astenuti.
Camera  31/07/2014 Dl P.A.          346 sì, 176 no, 10 astenuti.
Senato  02/08/2014 Dl Carceri       162 sì,  39 no,  1 astenuto.
Senato  05/08/2014 Dl P.A.          160 sì, 106 no,  0 astenuti.
Camera  05/08/2014 Dl Competitività 352 sì, 193 no,  7 astenuti.
Camera  07/08/2014 Dl P.A.          346 sì, 177 no,  8 astenuti.
Senato  07/08/2014 Dl Competitività 155 sì,  27 no,  0 astenuti.
Senato  17/09/2014 L.Comunitaria(*) 159 sì,  70 no, 51 astenuti.
Camera  02/10/2014 Dl stadi         323 sì, 168 no,  9 astenuti.
Senato  09/10/2014 Jobs act         165 sì, 111 no,  2 astenuti.
Senato  15/10/2014 Dl Stadi         164 sì, 109 no,  0 astenuti.
Senato  23/10/2014 Giustizia civile 161 sì,  51 no,  0 astenuti.
Camera  23/10/2014 Sblocca Italia   316 sì, 138 no,  1 astenuto.
Camera  04/11/2914 Giustizia civile 353 sì, 192 no,  0 astenuti.
Camera  29/11/2014 L. stabilità     349 sì,  75 no,  1 astenuto.
Camera  29/11/2014 L. stabilità     351 sì,  67 no,  1 astenuto.
Camera  29/11/2014 L. stabilità     346 sì,  39 no,  1 astenuto.
Senato  03/12/2014 Jobs Act         166 sì, 112 no,  1 astenuto.
Senato  19/02/2015 Dl Ilva          151 sì, 114 no,  0 astenuti.
Camera  19/02/2015 Milleproroghe    354 sì, 167 no,  1 astenuto.
Senato  26/02/2015 Milleproroghe    156 sì,  78 no,  1 astenuto.
Senato  15/04/2015 Dl Terrorismo    161 sì, 108 no,  1 astenuto.
Camera  29/04/2015 Italicum         352 sì, 207 no,  1 astenuto.
Camera  30/04/2015 Italicum         350 sì, 193 no,  1 astenuto.
Camera  30/04/2015 Italicum         342 sì,  15 no,  1 astenuto.
Senato  25/06/2015 Scuola           159 sì, 112 no,  0 astenuti.
Camera  23/07/2015 Dl fallimenti    355 sì, 188 no,  1 astenuto.
Senato  28/07/2015 Dl Enti locali   163 sì, 111 no,  0 astenuti.
Camera  04/08/2015 Dl Enti locali   364 sì, 185 no,  0 astenuti.
Senato  05/08/2015 Dl fallimenti    159 sì, 104 no,  0 astenuti.
Camera  13/11/2015 Rientro capitali 313 sì, 115 no,  0 astenuti.
Senato  20/11/2015 L. stabilità     164 sì, 116 no,  2 astenuti.
Senato  16/12/2015 Dl Giubileo      160 sì, 115 no,  0 astenuti.
Camera  10/02/2016 Milleproroghe    362 sì, 187 no,  1 astenuto.

(*) La fiducia sul ddl Comunitaria è stata espressa in negativo, per la prima volta dal 1986: cioè non per approvare un testo ma per bocciare un emendamento (riguardante la responsabilità civile dei magistrati). Quindi i 159 “sì” al governo sono stati in realtà 159 “no” all’emendamento.

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento