venerdì, 2 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Adalberto Andreani:
Le olimpiadi per rivalutare Roma
Pubblicato il 08-02-2016


Gentile Direttore,

Non credo si debba essere aprioristicamente contro le Olimpiadi a Roma.
Roma può ricavare un beneficio dall’assegnazione del massimo e maggiore evento sportivo mondiale.
In un momento di crisi come quella attuale, con un Papa così importante e fautore della papa, solo Roma può ricoprire un ruolo significativo per il mondo intero.
Tuttavia deve essere chiaro che non vi debbono essere ulteriori speculazioni a detrimento dell’agro romano, che era e resta uno dei territori più fertili d’Europa.
Vanno operate ristrutturazioni e recuperi di quanto esistente, lo stadio Olimpico per esempio, architettonicamente imbruttito dopo i mondiali di calcio del 1990 può essere migliorato e modernizzato con le nuove tecnologie. Il foro Italico, non va demolito come qualcuno ha in testa da anni, bensì restaurato, perché è un luogo sportivo tra i più belli in Europa.
Lo stadio Flaminio leggermente ampliato è l’opera ideale per il football, e gli altri impianti sportivi potranno essere restaurati ed adeguati ai tempi.
Nessun’altra città vanta e può vantare la storia di Roma, e dunque non servono nuove opere, ma rivalutare quelle che solo la Capitale ha in misura così cospicua.
Queste sono le condizioni per cui la sinistra può ed anzi deve perorare la causa delle Olimpiadi romane, in questo triste momento economico e storico.

Distinti saluti,

Adalberto Andreani

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento