giovedì, 8 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Scrive Manfredi Villani:
I socialisti esistono e resistono
Pubblicato il 19-02-2016


La Corte dei Conti con l’inaugurazione dell’anno giudiziario ha riscontrato un “parziale insuccesso” delle spending revieuw del governo Renzi.La manovra economica 2016 ha evidenziato l’inefficacia dell’utilizzo dei margini di flessibilità acquisiti in Europa.Sebbene diminuisca il deficit dei conti pubblici, con cadenza rallentata,per uscire dall’incertezza della recessione occorre rilanciare la crescita economica e l’occupazione. Il Presidente della Corte dei Conti Squitieri ha ribadito che obiettivi della Corte sono la lotta agli sprechi e la vigilanza sull’uso dei fondi europei. Ha sottolineato che è importante rinsaldare la fiducia nello Stato e la credibilità del Paese.

Di conseguenza il Psi assuma in agenda del prossimo congresso nazionale il tema del rilancio degli investimenti pubblici facendo tesoro delle numerose proposte concrete già avanzate e pubblicate dall’Avanti! In primis la costruzione del ponte sullo stretto di Messina e l’Alta Velocità ferroviaria da Salerno a Palermo e da Napoli a Taranto. Si dia attuazione al DL n.133/2014 relativamente all’art.35, il quale titola:misure urgenti per la individualizzazione e la realizzazione di impianti di recupero di energia dai rifiuti urbani e speciali,costituenti infrastrutture strategiche di preminente interesse nazionale. Si stimolino i Governatori delle Regioni:Toscana, Umbria, Marche, Campania, Lazio, Abruzzo, Sicilia e Sardegna ad accogliere senza indugio deleterio la bozza di governo Renzi per la costruzione di 9 termovalorizzatori di RSU (di cui 2 in Sicilia).

Il Psi non può trascurare il motto dell’Avantionline: Sprechi la spazzatura? Butti via un tesoro. Rivolgo un accorato appello al compagno Segretario Nazionale Riccardo Nencini. Mi supporta un pregiato libro scritto da Carlo Correr con titolo: “Una lunga marcia”. Con l’arrivo alla Segreteria Nazionale di Nencini (5 luglio 2008), dopo le dimissioni di Enrico Boselli, si rafforzò il rapporto politico del Psi con il Pd, prima con l’arrivo di Pier Luigi Bersani e dal febbraio 2014 anche con l’avvio delle premieratura di Matteo Renzi.

Oggi caro compagno Riccardo il tuo ed il nostro obiettivo politico si illuminerà mirando al bersaglio delle elezioni politiche del 1992, allorché il Psi ottenne alla Camera ben 5.343.930 voti, pari al 13,62%. Va oscurato il nefasto risultato di due anni dopo (1994) allorché i consensi elettorali per i socialisti crollarono al 2,19%. I socialisti dopo il 1994 ancora esistono e resistono sebbene molti di loro, come me, abbiano tante primavere di vita e di militanza fedele. Diamoci insieme ai giovani socialisti ed amici sinceri una speranza di crescita. Speranza del tipo del compagno Ignazio Silone tratto dal suo scritto: “Il seme sotto la neve”.

Manfredi Villani

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento