domenica, 4 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

È accordo “Mayonesa”
tra Psoe e Ciudadanos
Pubblicato il 23-02-2016


spagna

Pedro Sanchez, segretario generale del Psoe

A Madrid ci sarà presto un nuovo governo. L’accordo è vicino all’annuncio ufficiale.
Ad anticiparlo è Albert Rivera, presidente di Ciudadanos, che ha detto oggi che i negoziati tra il suo partito e il Psoe stanno per giungere in porto.
Gli ha fatto eco Pedro Sanchez, leader del Psoe, affermando la sua disponibilità a esaminare le cinque proposte di riforma costituzionale (abolizione delle assemblee provinciali, abolizione della immunità parlamentare, depoliticizzazione della giustizia, mandato massimo di 8 anni per i premier, agevolazione per le leggi di iniziativa popolare) che Rivera aveva in precedenza indicato come indispensabili per arrivare a un accordo.
La stampa spagnola già è in azione, battezzando l’accordo tra socialisti e il partito arancione una ‘mayonesa’. Come una maionese, infatti, Sánchez e Rivera stanno tentando di arrivare gradualmente, e con la massima cura, a emulsionare le diverse posizioni senza il rischio che il tutto impazzisca all’ultimo momento.
Dagli ambienti socialisti arrivano commenti entusiasti, mentre più freddi sono quelli di Ciudadanos, intenti a mettersi d’accordo sugli ultimi dettagli del patto.
Tuttavia, l’insieme dei voti dei due partiti si ferma a 130 (90 i deputati socialisti, 40 quelli arancioni) e sarebbe impossibile completare l’accordo senza la presenza di un’ulteriore forza politica o l’astensione di almeno un altro partito, il Partido Popular o Podemos, ma in questgo caso si avrebbe un governo di minoranza.
I Popolari hanno già fatto sapere di non essere disposti a pervenire ad un simile accordo, mentre nuovi veleni arrivano da Pablo Iglesias, leader di Podemos.
Mentre il Psoe continua i negoziati anche con quest’ultimo partito, Iglesias ha maldigerito l’annuncio di Rivera, lanciando nuovi strali contro i socialisti: «in politica non si può nuotare e mangiare». Vale a dire, Podemos e Ciudadanos non saranno mai insieme al governo, sebbene si dica disponibile a un accordo inverso: Podemos e Psoe al governo con l’astensione del gruppo di Rivera.
Facendo due conti, se l’ottimismo socialista e l’annuncio di Rivera non sono infondati, presto avremo nuove sorprese. Voci di corridoio parlano di conversazioni segrete tra Ciudadanos e popolari per giungere alla firma di un documento condiviso, che porti ad un accordo e quindi all’investitura di Sánchez.

Giuseppe Guarino

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento