sabato, 10 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

Uber Rush. L’app per la consegna delle merci
Pubblicato il 04-02-2016


Uber_Rush2Siete a casa e avete voglia di mangiare cibo indiano ma non lo avete nel frigorifero? Dovete andare ad una festa ma non avete il tempo di acquistare un vestito per l’occasione? È san valentino e avete dimenticato di comprare i fiori al vostro partner?

Negli Stati Uniti Uber Rush ha risolto questi piccoli problemi quotidiani. A New York, Chicago e San Francisco l’app californiana consegna, dallo scorso ottobre, tutto quello che il cliente desidera – nei limiti del possibile e del legale – dal negozio all’appartamento del ricevente. La scorsa settimana il servizio Ncc ha annunciato di voler espandere le Application Program Interface (Api): Uber Rush sarà utilizzabile su nuove e più piattaforme online. A servirsene saranno numerosi negozi che lavorano con il web, come 1800flowers, azienda a conduzione familiare di composizioni floreali, Nordstrom, grande catena di abbigliamento o EatStreet, che consegna qualsiasi tipo di cibo locale.

Come da “tradizione Uber”, si potrà ordinare tramite l’app e sarà inoltre possibile conoscere in anticipo il prezzo della consegna e tracciare sulla mappa della città il veicolo in arrivo. Nonostante le critiche e le contestazioni, Uber si reinventa continuamente, diventando proposta su proposta sempre più concorrenziale. Con una valutazione su mercato pari a 62,5 miliardi di dollari è diventato un colosso in grado di far paura anche a Google ed Amazon. Uber Rush apporterebbe cambiamenti sostanziali non solo alle economie di tutti i punti vendita che ne potrebbero usufruire ma anche al nostro modo di vivere e gestire il tempo. E ricorda che «quando i clienti sono in attesa, ogni minuto è importante. Uber Rush consente di evitare i “colli di bottiglia” durante le ore più trafficate. È così possibile ottenere il maggior numero di consegne sulla strada di cui si ha bisogno».

Francesca Fermanelli

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento