domenica, 4 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

E la chiamano lotta alla evasione…
Pubblicato il 02-03-2016


Il Ministro Padoan spalleggiato dalla Direttrice dell’Agenzia delle Entrate ha reso noto i risultati contabili della lotta alla evasione fiscale relativi all’anno 2015.
Dispiace dirlo, fino ad ieri i due stimati interlocutori, ma dopo la motivazione tecnico/ politica dei dati qualche dubbio ci assale.
Dai dati pubblicati si legge che i soggetti controllati sono stati 497.150, presumiamo attraverso accertamenti sostanziali, hanno prodotto un recupero di imposta evasa di 7,3 miliardi di euro pari al 48,6 % degli incassi totali, quantificati in 14,9 miliardi di euro.
La bottegaia sotto casa mia mi ha chiesto: da dove viene la differenza di ben 7,6 mld di euro?
Imbarazzato gli ho risposto che molto probabilmente la differenza deriva dalla liquidazione delle dichiarazione dei redditi e dell’IVA, nonché dal controllo formale delle stesse.
In sostanza la legge assegna all’Agenzia la liquidazione delle imposte dichiarate ed il controllo di una spesa esposta in dichiarazione dei redditi (spettanza detrazione figlio a carico, assicurazione sulla vita , mutuo sulla casa, spese mediche, spese per l’animale di affezione, ecc. ecc..).
Far passare l’incasso da liquidazione formale delle dichiarazioni per lotta alla evasione ci vuole una bella fantasia, ma questi due hanno puntato sugli italiani boccaloni.
Parlavo con un collega francese a proposito della lotta alla evasione fiscale in Europa. Quando ha sentito che il recupero di imposte evase in Italia nel 2015 , ho barato dicendo che era stato di 14,9 mld di euro, mi ha detto che era una inezia (10 %) a fronte di una evasione quantificata in circa 150 mld di euro.
Figuratevi se gli dicevo che il recupero da accertamenti sostanziali era stato di appena 7,3 mld, il 4,88 % sulla evasione stimata.
I due interlocutori non hanno fatto menzione che stanno chiudendo gli uffici periferici dell’Agenzia delle Entrate, che i contribuenti italiani sono alle prese con un insopportabile carico fiscale, con una miriade di incombenze amministrative coniugata con una legislazione obsoleta e contraddittoria… da domani, hanno detto, basta un clik ed il controllo è fatto!

Mario Cardone

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento