martedì, 6 dicembre 2016
Facebook Spazio Twitter Spazio RSS Spazio
Opinioni e commenti
 

È morto George Kennedy, da eroe di guerra
ad attore hollywoodiano
Pubblicato il 01-03-2016


kennedyÈ morto in una casa di riposo a Middleton, Idaho a causa di una crisi cardiaca. Aveva 91 anni George Kennedy, forse uno dei coprotagonisti più noti del panorama cinematografico statunitense.
L’Hollywood Reporter ha dato la notizia della morte dell’attore: “È stato un grande uomo che ha amato la sua famiglia e i suoi fan”, ha detto il nipote Cory Schenkel.

Era nato a New York City il 18 febbraio 1925, figlio di un pianista e conduttore d’orchestra e di una ballerina vaudeville. Aveva debuttato nel mondo della recitazione sin da quando aveva due anni come comparsa in uno spettacolo teatrale.
È stato un eroe di guerra e ha servito anche sotto il comando del Generale Patton nel 1943 ricevendo due Bronze Star per il suo coraggio in combattimento. Un attore americano nel senso stretto del termine, che aveva avuto molte parti secondarie ma assai famose in diversi film del secolo scorso. Al cinema lo ricordiamo nei panni del duro. Una volta è stato lui a dire: “Tutto quello che facevo era andare sul set ed essere picchiato”.

Sullo schermo lo abbiamo visto attaccare e minacciare star del calibro di Cary Grant, Joan Crawford e Gregory Peck.

I suoi ruoli più noti erano stati quelli di uno dei persecutori di Audrey Hepburn quello con l’uncino meccanico al posto della mano) in Sciarada di Stanley Donen (1963) e il cattivo dei detenuti di Nick Mano Fredda del 1967, il principale comprimario di Paul Newman, con cui vinse anche l’Oscar come attore non protagonista. Ma il suo faccione ed anche il suo fisico imponente ricordava un po’ quello di Anthony Quinn. Era familiare anche per molti western, per diversi film catastrofici degli anni Settanta (soprattutto della serie degli Airport), per il personaggio nel film comico Una pallottola spuntata e i suoi seguiti. Complessivamente aveva lavorato in più di un centinaio di film.

Buone le sue presenze anche nel piccolo schermo come nella serie televisiva Dallas dove impersonava il personaggio di Carter McKay.

Alessandro Munelli

bce Berlusconi bersani camera CGIL crisi elezioni Enrico Buemi europa Forza Italia Francia Germania governo Grecia Grillo Inps ISIS ISTAT italia italicum lavoro Lega M5S Marco Di Lello Matteo Renzi Nencini Onu Oreste Pastorelli pd pensioni Pia Locatelli pil psi Renzi Riccardo Nencini roma Russia Sel senato socialisti Spagna UE UIL Unione europea USA



Lascia un commento